Descrizione Visita guidataDescrizione Visita guidata

Palatium Sessorianum

Il complesso archeologico presso Santa Croce in Gerusalemme

L’area circostante la Chiesa di Santa Croce in Gerusalemme è ricca di resti archeologici riferibili ad un unico grandioso complesso, una villa imperiale del III secolo. L’insieme comprendeva oltre che al palazzo, un anfiteatro ed un circo. Si tratta del Palazzo del Sessorio, iniziato dall’Imperatore Settimio Severo e terminato dall’Imperatore Eliogabalo. La residenza si presentava come un insieme di edifici privi di omogeneità, con dei cortili interni e fontane.

L’Anfiteatro Castrense, secondo di Roma dopo il Colosseo, era dedicato a spettacoli per i soldati delle caserme vicine. Nel III secolo venne incorporato nelle mura aureliane e le arcate esterne vennero murate.

Il Circo Variono, nominato così in onore dell’Imperatore Eliogabalo (Varius Avitus Bassianus), era utilizzato per degli spettacoli e manovre militari in onore della corte imperiale, fino alla costruzione delle mure aureliane, che lo divisero in due parti.

Un altro edificio del complesso ancora visibile è il cosiddetto Tempio di Venere e Cupido. Si tratta di una grande aula rettangolare absidata con cinque grandi finestre ad arco, coperta da una semicupola. Il nome deriva dalla credenza popolare secondo la quale sarebbero state trovate al suo interno delle statue di Venere e Cupido.

Nel IVsecolo la villa divenne la residenza da Elena, madre di Costantino, che effettuò numerosi restauri, tra cui la ricostruire di un impianto termale di età Severiana, così da lei chiamate Terme Eleniane. In questo periodo, uno degli ambienti della residenza venne ristrutturato per ospitare la chiesa di Santa Croce in Gerusalemme.

Tra gli altri ritrovamenti effettuati nella zona, anche una casa di età imperiale, attribuita ad Aufidia Cornelia Valentilla, con resti di affreschi parietali e mosaici.

url Condividi pagina

Condividi la pagina sui social network

Immagini Visita guidata

Immagini Visita guidata