Cronologia Delitti

Cronologia della storia di roma

1925 d.C.   a.U.c.

31 Maggio: Sulle sponde del Tevere viene ritrovato il cadavere di Elisa Berni, rapita il giorno prima dal Mostro di Roma. Vicino al corpo sono ritrovati dei frammenti di un catalogo di libri inglesi.

1926 d.C.   a.U.c.

12 Febbraio: Il Mostro di Roma rapisce Elvira Coletti, di 6 anni. Viene portata sul greto del fiume al lungotevere Michelangelo, dove viene violentata, ma riesce a scappare e a dare l'allarme.

1927 d.C.   a.U.c.

12 Marzo: Il Mostro di Roma aggredisce nuovamente, nella sua abitazione, Armanda Leonardi, sfuggita ad un suo tentativo di rapimento il 4 giugno 1924. La madre giunta in suo soccorso, non riesce ad impedire il rapimento. Descrive il criminale come un uomo elegante, vestito con un cappotto nero ed un ombrello.

13 Marzo: Viene ritrovato ai piedi dell’Aventino, il cadavere di Armanda Leonardi, rapita il giorno prima dal Mostro di Roma.

2 Maggio: Viene arrestato come presunto Mostro di Roma, Gino Girolimoni. Qualcuno testimonia di averlo visto regalare caramelle ed accarezzare una bambina di 12 anni in una trattoria.

1928 d.C.   a.U.c.

8 Marzo: Gino Girolimoni, arrestato come presento mostro di Roma, viene scarcerato perchè riconosciuto estraneo ai fatti. Si era accertato, che la dodicenne a cui aveva dato una caramella era la servetta di una donna sposata che lui corteggiava da tempo della quale aveva preferito non parlarne, durante gli interrogatori, per non metterla in difficoltà.

1936 d.C.   a.U.c.

Giugno: Durante lavori di restauro all'albergo dell'Orso, in una caditoia medievale, murata probabilmente da secoli, viene trovato uno scheletro d'ignoto.

1943 d.C.   a.U.c.

11 Ottobre: A Forte Bravetta sono fucilati Giacomo Proietti, Marco Amadei, Battista Graziani, Michele Pella, Giulio Pigliucci, Pietro Serra, Mario Sorbi.

23 Ottobre: Al Forte Bravetta vengono fucilato per complicità con i partigiani, Etargenio Angelini ed il capellano militare don Giuseppe Buttarazzi..

12 Ottobre: Al Forte Bravetta viene eseguita l'esecuzione di 6 tra i 18 componenti di un gruppo armato che ha tentato nella notte precedente di impadronirsi dei generi alimentari e di vestiario in via Gelsomino. Sono stati catturati dai tedeschi e da guardie fasciste. Definiti dal Giornale d' Italia, teppisti comunisti, Battista Graziani, Giulio Pagliucci, Mario Sorbi, Marco Amadei, Pietro Serra, Michele Bella, sono fucilati, gli altri condannati a pene carcerarie.

8 Novembre: A Forte Bravetta viene fucilato Giuseppe Tirella.

26 Novembre: A Forte Bravetta sono fucilati Agostino Basili e Walter Ludovisi.

4 Dicembre: Un fascista uccide a Piazza di Spagna il magistrato Mario Fioretti, esponente del PSIUP.

17 Dicembre: I GAP uccidono un ufficiale tedesco a via Veneto, mentre due fascisti subiscono la stessa sorte in via Donizetti e in via Cola di Rienzo.

22 Dicembre: A Forte Bravetta sono fucilati Riccardo Di Giuseppe e Mario Carucci.

30 Dicembre: A Forte Bravetta sono fucilati Riziero Fantini, Antonio Feurra e Italo Grimaldi.

31 Dicembre: A Forte Bravetta sono fucilati i carabinieri Antonio Pozzi e Raffaele Pinto.

1944 d.C.   a.U.c.

20 Gennaio: Fucilato a Forte Bravetta Salvatore Petronari.

31 Gennaio: A Forte Bravetta sono fucilati Giovanni Andreozzi, Mariano Buratti, Mario Capecci, Enrico De Simone, Augusto Latini, Vittorio Mallozzi, Paolantonio Renzi, Raffaele Riva, Franco Sardone e Renato Traversi.

14 Gennaio: Fucilato a Forte Bravetta Andrea Franceschetti.

28 Gennaio: In piazza dei Mirti è ucciso un milite fascista della polizia ferroviaria.

30 Gennaio: Un gappista uccide a Torpignattara il capo rionale fascista Amedeo Di Giacomo.

2 Febbraio: A Forte Bravetta sono fucilati Ettore Arena, di Luigi, Benvenuto Badiali, Branko Bitler, Ottavio Cirulli, di Michele, Romolo Jacopini, Ezio Malatesta, Carlo Merli, Augusto Paroli, Gino Rossi Bixio, Guerrino Sbardella e Filiberto Zolito. Il plotone della PAI sbaglia intenzionalmente i bersagli. Un ufficiale tedesco uccide con un colpo alla nuca gli scampati alla raffica.

3 Marzo: Davanti alla caserma dell'81º di fanteria in Viale Giulio Cesare, famigliari dei rastrellati per la deportazione chiedono la loro liberazione. Un prigioniero tenta di fuggire da una finestra ma viene ucciso. Teresa Gullace, incinta del sesto figlio cerca di gettare un pacchetto con del cibo al marito ma mentre si fa largo tra la folla viene uccisa da un soldato tedesco. Nel pomeriggio dello stesso giorno gappisti tenteranno un attacco alla caserma.

4 Marzo: Al Forte Bravetta sono fucilati Antonio Lalli e Eugenio Messina .

26 | 50 su 114