Cronologia Editti

Cronologia della storia di roma

191 a.C.   a.U.c.

Lex Acilia de intercalando. Adattamento del calendario.

180 a.C.   a.U.c.

Lex Villia annalis: stabilisce un'età minima alle cariche del cursus honorum e un intervallo di tempo di due anni da una carica all'altra.

154 a.C.   a.U.c.

Lex Aebutia de magistratibus extraordinariis. Legge contro gli accordi tra i magistrati.

150 a.C.   a.U.c.

Lex Aebutia de formulis. Autorizzata discrezione del pretore ad entrare nella corte del praetor urbanus, che poteva riadattare le leggi private di Roma.

149 a.C.   a.U.c.

La Lex Calpurnia stabilisce un tribunale permanente per accuse di malversazione.

Lex Atinia. Tribuni della plebe automaticamente promossi al Senato.

139 a.C.   a.U.c.

Lex Gabinia tabellaria. Instaura il voto segreto nei comizi.

133 a.C.   a.U.c.

Lex Sempronia frumentaria. Concessione di una distribuzione di grano a prezzo ridotto.

123 a.C.   a.U.c.

Lex Acilia repetundarum. Procedure repetundae per i giurati provenienti dalla classe senatoriale per prevenire la corruzione.

103 a.C.   a.U.c.

Lex Appuleia. Provvedimento di Lucio Appuleio Saturnino che istituisce la quaestio perpetua de maiestatis.

95 a.C.   a.U.c.

Lex Licinia Mucia. Ordinal'espulsione dalla città di Roma ed il rimpatrio nelle loro città natie dei gruppi etnici Latini e Italici, comminando pene severe per chi, con frode, si iscriveva all'anagrafe come cittadino romano.

91 a.C.   a.U.c.

Lex Varia. Punisce tutti coloro che avevano assistito e consigliato i responsabili delle violenze durante la Guerra sociale.

89 a.C.   a.U.c.

La Lex Plautia Papiria a seguito della Guerra Sociale, estende la cittadinanza romana a tutti gli italici.

81 a.C.   a.U.c.

Silla emana La lex Cornelia Sullæ de sicariis et veneficis per ridisciplinare la materia del crìmen homicidii.

67 a.C.   a.U.c.

Lex Acilia Calpurnia. Prevede l' esclusione permanente dalla carica in caso di corruzione elettorale.

58 a.C.   a.U.c.

Lex Clodia. Autorizza le associazioni di artigiani.

52 a.C.   a.U.c.

Lex Pompeia. Modificò la disciplina del reato di brogli elettorali, ordinando l'esilio per i casi più gravi.

44 a.C.   a.U.c.

Leges Antoniae. Provvedimento di Marco Antonio contro la dittatura.

43 a.C.   a.U.c.

Lex Titia. Concessione di poteri eccezionali al secondo triumvirato.

18 a.C.   a.U.c.

Augusto emana la Lex Iulia de Maritandis Ordinibus, per disciplinare e limitare i matrimoni tra diverse classi sociali e puniva i celibi. Inoltre stabilì che l'eredità vacante, in caso di mancanza o inerzia di creditori ereditari, andasse all'erario.

17 a.C.   a.U.c.

Augusto emana la Lex Iulia de adulteriis coercendis, per disciplinare l'adulterio (crimen adulterii) e le varie fattispecie che vi rientravano: incestum, stuprum, lenocinium.

4 d.C.   a.U.c.

Lex Aelia Sentia. Legge contro la liberazione di schiavi.

9 d.C.   a.U.c.

Lex Papia Poppaea. I consoli suffetti del 9 d.C. Marco Papio Mutilo e Quinto Poppeo Secondo emanano la legge che ha lo scopo di frenare il diffondersi del celibato, incoraggiando e rafforzando il matrimonio e la natalità. Essa includeva, inoltre, degli interventi contro l'adulterio. La legge suggeriva delle età convenzionali entro le quali occorreva contrarre matrimonio (dai 25 ai 60 anni per gli uomini; dai 20 ai 50 anni per le donne). Decorso questo lasso temporale, coloro che non avevano contratto matrimonio venivano dichiarati celibi e andavano incontro a sanzioni, le quali potevano anche gravare sull'eredità.

24 d.C.   a.U.c.

Lex Visellia. Libera i discendenti degli affrancati dalla macule servile.

92 d.C.   a.U.c.

Domiziona con un editto impone ai commercianti di liberare i bordi delle strade e di limitarsi ad occupare lo spazio all'interno delle taverne.

26 | 50 su 256