Cronologia Incendi

Cronologia della storia di roma

213 a.C.   a.U.c.

Incendio nella zona del Foro Boario e del Foro Olitorio. Distrutti i templi della Fortuna e di Mater Matuta.

210 a.C.   a.U.c.

Incendio intorno al Foro in più punti.

206 a.C.   a.U.c.

Il Tempio di Cerere, Libero e Libera sull'Aventino viene colpito da un fulmine e poi distrutto da un incendio.

197 a.C.   a.U.c.

Il Tempio di Summanos sull'Aventino, colpito da un un fulmine e distrutto da un incendio, viene ricostruito.

111 a.C.   a.U.c.

Un incendio distrugge il tempio di Cibele sul Palatino.

84 a.C.   a.U.c.

Il Tempio della Luna sull'Aventino, viene distrutto da un incendio.

31 a.C.   a.U.c.

Il Tempio di Cerere, Libero e Libera sull'Aventino viene distrutto da un incendio.

14 a.C.   a.U.c.

Un incendio distrugge la Basilica Emilia al Foro romano.

3 d.C.   a.U.c.

Un incendio distrugge per la seconda volta il tempio di Cibele sul Palatino.

27 d.C.   a.U.c.

Incendio del Celio.

64 d.C.   a.U.c.

18 Luglio: Un violento incendio colpisce la città. Delle quattordici regioni soltanto quattro non vengono colpite. La distruzione di buona parte del centro urbano permette all'imperatore Nerone di espropriare un'area complessiva di circa 80 ettari, per costruirvi un palazzo che si estenderà tra il Palatino, l'Esquilino e il Celio.

68 d.C.   a.U.c.

Il campidoglio è distrutto da un incendio dovuto ai combattimenti tra i sostenitori di Vespasiano e di Vitellio.

80 d.C.   a.U.c.

Un incendio devasta la città. Danni al Portico di Ottavia ed alla Basilica di Nettuno.

104 d.C.   a.U.c.

Un incendio devasta gli ultimi resti della Domus Aurea sul Colle Oppio. Le rovine saranno interrate e utilizzate come basamento delle future Terme di Traiano.

190 d.C.   a.U.c.

Un incendio distrggee una parte della città, e l'imperatore Commodo pretende di rifondarla con il nome "Colonia Commodiana".

192 d.C.   a.U.c.

Un incendio devasta il foro della Pace.

217 d.C.   a.U.c.

Un incendio, innescato da un fulmine, fa crollare le strutture superiori dell'Anfiteatro Flavio. I giochi si trasferiscono al Circo Massimo fino alla conclusione dei restauri, avviati dall'imperatore Eliogabalo.

250 d.C.   a.U.c.

Un incendio causato da un fulmine danneggia l'Anfiteatro Flavio. L'imperatore Decio commissiona i necessari restauri.

283 d.C.   a.U.c.

Un vasto incendio colpisce la città provocando ingenti danni ai monumenti.

363 d.C.   a.U.c.

19 Marzo: Un incendio distrugge il Tempio di Apollo Palatino.

827 d.C.   a.U.c.

Un violento incendio colpisce la città.

1084 d.C.   a.U.c.

30 Maggio: Nella notte, un immenso incendio divampa dal Colosseo al Laterano.

1268 d.C.   a.U.c.

28 Agosto: Un incendi distrugge la Sinagoga di Vicolo dell'Atleta.

1308 d.C.   a.U.c.

6 Maggio: Un incendio distrugge la Cattedrale di San Giovanni in laterano.

1361 d.C.   a.U.c.

Un incendio colpisce la cattedrale.

1 | 25 su 44