Cronologia Terremoti

Cronologia della storia di roma

62 d.C.   a.U.c.

5 Febbraio: Avvertito anche a Roma il terremoto di Pompei ed Ercolano.

408 d.C.   a.U.c.

Un forte terremoto colpisce la città.

442 d.C.   a.U.c.

Terremoto crea danni all'Anfiteatro Flavio. I grandi restauri sono ricordati da una nuova iscrizione sul podio che circondava l'arena.

443 d.C.   a.U.c.

La città viene colpita da un terremoto.

801 d.C.   a.U.c.

29 Aprile: La città viene colpita da un forte terremoto con l'epicentro a Spoleto. Il “Liber Pontificalis”, nella vita di Leone III, ricorda: “A causa dei nostri peccati, avvenne improvvisamente un terremoto, la chiesa di S. Paolo Apostolo fu scossa dal terremoto e i suoi tetti crollarono."

847 d.C.   a.U.c.

Terremoto provoca vari crolli dalla collina del palatino. Danneggiando irrimediabilmente la cappella di Santa Maria antiqua. Crolla il tetto dell'Auditorium di Adriano. Cede quel che resta del fronte meridionale dell'Anfiteatro Flavio, generando una montagna di travertini, chiamata coxa.

989 d.C.   a.U.c.

25 Ottobre: Avvertito il terremoto di Benevento.

1091 d.C.   a.U.c.

27 Gennaio: La città viene colpita da un terremoto.

1279 d.C.   a.U.c.

Terremoto del V grado della scala Mercalli con epicentro nell'appennino.

1315 d.C.   a.U.c.

3 Dicembre: Avvertito a Roma il forte terremoto che scuote la zona del l'Aquila.

1328 d.C.   a.U.c.

1 Dicembre: Avvertito il terremoto con epicentro a Norcia

1349 d.C.   a.U.c.

9 Settembre: Terremoto del VIII grado della scala Mercalli con epicentro nell'aquilano. Crolla una parte consistente del Colosseo, il Campanile di San Paolo Fuori le Mura, la torre delle Milizie perde il terzo piano, danni alla basilica dei Santi Apostoli e alla Tor dei Conti.

1389 d.C.   a.U.c.

18 Ottobre: Avvertito il terremoto della Valnerina.

1458 d.C.   a.U.c.

26 Aprile: Terremoto con epicentro in Umbria e Marche. La scossa viene avvertita anche a Roma.

1461 d.C.   a.U.c.

26 Novembre: Terremoto del V grado della scala Mercalli con epicentro nell'aquilano.

1542 d.C.   a.U.c.

Il palazzetto degli Anguillara viene duramente danneggiato da un terremoto e comincia ad andare in rovina. Diviene una stalla, macello, cantina: i trasteverini indicano la costruzione con i nomignoli di Carbognano e Palazzaccio.

1639 d.C.   a.U.c.

7 Ottobre: Avvertito il terremoto con epicentro ad Amatrice.

1703 d.C.   a.U.c.

14 Gennaio: Terremoto del VIII grado della scala Mercalli con epicentro nell'aquilano. Crolla un arco del secondo ordine del Colosseo. Danni anche ai Trofei di Mario. Il Senato e il Popolo Romano ritornano davanti all'altare di Santa Maria in Portico in Campitelli per un nuovo voto solenne: la città di Roma avrebbe digiunato per cento anni alla vigilia della Candelora.

1706 d.C.   a.U.c.

Terremoto del V grado della scala Mercalli con epicentro nell'aquilano.

1747 d.C.   a.U.c.

17 Aprile: Viene avvertito un terremoto con epicentro tra Umbria e Marche.

1762 d.C.   a.U.c.

6 Ottobre: Avvertito il terremoto con epicentro l'Aquila.

1799 d.C.   a.U.c.

28 Luglio: Avvertito un terremoto con epicentro le Marche.

1806 d.C.   a.U.c.

26 Agosto: Terremoto del V grado della scala Mercalli con epicentro ai Colli Albani. Vittime e numerosi feriti a Rocca di Papa e Genzano. Danneggiamenti alle Chiese di San Carlo al Corso, San Luigi dei Francesi e Santa Maria Maggiore.

1811 d.C.   a.U.c.

Terremoto del VI grado della scala Mercalli con epicentro ai Colli Albani.

1812 d.C.   a.U.c.

22 Marzo: Terremoto del VI grado della scala Mercalli con epicentro ai Colli Albani. Danni leggeri ma diffusi alle murature della chiesa di San Benedetto in piscinula.

1 | 25 su 52