Massoneria

Grande Oriente d'Italia

Cronologia

28/4/1738: Papa Clemente XII, con la bolla In eminenti apostolatus specula, scomunica la Massoneria Universale.

24/10/1818: II Tribunale di Roma emette cinque condanne a morte e due al remo perpetuo per altri carbonari implicati nei moti di Macerata.

13/3/1825: Papa Leone XII con la bolla Quo graviora, ribadisce la condanna della Carboneria.

23/11/1825: Giustiziati i due carbonari Targhini e Montanari. L’esecuzione viene eseguita da Mastro Titta a Piazza del popolo.

28/2/1829: Scoperta una vendita carbonara. Arrestate una trentina di persone con a capo un prete, Giuseppe Picilli. La pena di morte sarà convertita nel carcere a vita.

5/10/1871: Una Commissione della Massoneria si insedia con lo scopo di portare alla unificazione dei vari Supremi Consigli e quindi di convocare a Roma un'Assemblea costituente con delegati di tutte le Logge e tutti i Supremi Consigli d'Italia.

16/11/1871: I Massoni del Grande Oriente d'Italia, installano la propia sede a Roma a via del Governo Vecchio 111.

28/4/1872: VIII Assemblea Costituente della massoneria italiana al teatro Argentina, sotto la presidenza del Fr. Correa. Parteciparono 153 logge distribuite in 14 regioni italiane e alcuni paesi stranieri. Nell'Assemblea, Giuseppe Mazzoni viene rieletto Gran Maestro e si realizza l'unificazione con il Grande Oriente Palermitano. Nella costituente romana furono proclamati Gran Maestri onorari a vita Giuseppe Garibaldi, Federico Campanella, Mariano Maresca.

23/5/1874: IX Assemblea costituente del Grande Oriente d'Italia a palazzo Lepri.

1/3/1875: Inaugurata la sede nazionale del Grande Oriente d’Italia in via della Valle 49 a Palazzo Quirini.

1887: Il Grande Oriente d'Italia, dopo la demolizione del Palazzo Quirini, spostano la propria sede al Palazzo di Piazza Poli 42.

9/6/1889: A Campo dei Fiori viene inaugurato il monumento a Giordano Bruno. A differenza di quanto aveva espressamente chiesto Cavallotti nel suo intervento alla Camera, non era presente nessun ministri o esponente del governo. Partecipa un folto gruppo di liberi muratori, anarchici repubblicani e anticlericali.

20/9/1893: Il Gran Maestro Adriano lemmi inaugura la nuova sede del del Grande Oriente d'Italia a Palazzo Borghese.

15/12/1898: Il gran Maestro Nathan dichiara ad una riunione dell Grande Oriente d'Italia, che ha assunto formale impegno per la locazione di Palazzo Giustiniani.

2/1900: Il Grande oriente d'Italia inizia il trasferimento da palazzo Borghese a Palazzo Giustiniani.

21/4/1901: Ernesto Nathan, Gran Maestro del Grande Oriente d'Italia, inaugura ufficialmente la nuova sede a palazzo Giustiniani.

15/2/1904: Ettore Ferrari eletto Gran Maestro della massoneria.

4/7/1907: Commemorazione del centenario della nascita di Giuseppe Garibaldi al Gianicolo con inserimento alla base marmorea del monumento, di una corona con dicitura nello sfondo “O Roma O Morte”. Per l'occasione Ettore Ferrari, gran maestro della massoneria, fa un discorso sul manifesto del progetto liberal democratico.

24/6/1908: Nel corso della gran loggia annuale del Grande Oriente d'Italia, il gran maestro Ettore Ferrari propone la censura all'indirizzo di quei parlamentari aderenti alla massoneria che si erano rifiutati di votare alla Camera dei deputati la mozione del socialista riformista Leonida Bissolati, volta ad abolire l'insegnamento della religione nella scuola elementare. Il Sovrano gran commendatore in pectore del Rito scozzese antico e accettato Saverio Fera, pone il veto formale contro la proposta di censura. Lo scontro arriva fino alla scissione, nel seno del Supremo Consiglio d'Italia.

1910: La corrente scissionista della Massoneria, la Serenissima Gran Loggia Italiana, installa la propia sede a Palazzo Petroni.

16/2/1911: Grazie ad una sottoscrizione internazionale, il Gran Maestro della Massoneria Ettore Ferrari, tramite la società Urbs (appositamente costituita dal Grande Oriente d'Italia) acquista definitivamente per un milione e 55 mila lire il Palazzo Giustiniani.

31/10/1917: Uno squilibrato uccide nella sua anticamera a palazzo Giustiniani Achille Ballori, Sovrano Gran Commendatore del Rito scozzese antico ed accettato e Gran Maestro Aggiunto del Grande Oriente d'Italia.

25/11/1917: Ernesto Nathan eletto per la quarta volta Gran Maestro del Grande Oriente d'Italia.

7/12/1922: Accordo siglato tra il Grande Oriente, il Rito Scozzese e il Rito Simbolico. Il Grande Oriente è del tutto separato dalle autorità rituali ed esercita con assoluta indipendenza e sovranità il governo e la rappresentanza di tutte le logge.

7/8/1924: Squadre d'azione fasciste tentano di assaltare la sede del Grande Oriente a Palazzo Giustiniani.

13/9/1924: Squadre d'azione fasciste tentano nuovamente di assaltare la sede del Grande Oriente a Palazzo Giustiniani.

11/10/1924: Squadre d'azione fasciste assaltano e devastano la sede del Grande Oriente a Palazzo Giustiniani.

12/1/1925: Mussolini presenta alla Camera un disegno di legge sulla disciplina di associazioni, enti e istituti e sull'appartenenza ai medesimi del personale dipendente dallo stato, dalle amministrazioni comunali e provinciali e da istituti sottoposti per legge alla tutela dello stato e degli enti locali; disegno di legge che pur non nominando mai la massoneria era stato presentato dal Partito Fascista per mettere fuorilegge proprio la massoneria.

19/5/1925: Approvato dalla Camera il disegno di legge sulla disciplina di associazioni, enti e istituti e sull’appartenenza ai medesimi del personale dipendente dallo stato.

11/10/1925: La sede della Serenissima Gran Loggia italiana a Piazza del Gesù, viene completamente distrutta da squadristi fascisi.

20/11/1925: Approvato dal Senato il disegno di legge sulla disciplina di associazioni, enti e istituti e sull’appartenenza ai medesimi del personale dipendente dallo stato.

22/11/1925: Il Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia, Domizio Torrigiani, senza attendere la promulgazione della legge sulla disciplina delle associazioni, ordina l’autodissoluzione delle Logge italiane alla sua obbedienza e la Rivista Massonica, dopo 54 anni di vita regolare cessa le pubblicazioni.

1926: Il governo Mussolini, acquisisce il Palazzo Giustiniani al demanio pubblico e ne concede l'utilizzo al Senato.

23/4/1927: L'ex Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia, Domizio Torrigiani, di ritorno dall’esilio in Francia, viene arrestato e tradotto presso al Carcere di Regina Coeli (per poi essere inviato al confino).

12/11/1930: Viene sciolto il sodalizio artistico dei XXV della campagna romana, per infiltrazioni massoniche.

15/8/1943: Circola un volantino a firma "Cola di Rienzi" che invita ad uno sciopero per il 1 settembre, per la pace. E’ una iniziativa di Felice Anzalone, gran maestro della Massoneria. La polizia sospetta che l'iniziativa sia stata concordata con i tedeschi, come pretesto per un intervento militare. I partiti antifascisti che poi daranno vita al CLN lo definiranno "irresponsabile e provocatorio".

4/12/1943: In casa di Salvatore Farina, viene ricostituito il Supremo consiglio del Rito scozzese antico e accettato per l'Italia di Piazza del Gesù, a capo del quale fu eletto l'avvocato Carlo De Cantellis, mentre Farina fu nominato Luogotenente.

4/6/1944: Un gruppo facente riferimento al Grande Oriente d'Italia in esilio, rioccupa Palazzo Giustiniani, istituendo simultaneamente, per la sua riorganizzazione, un Comitato di gran maestranza, costituito da Guido Laj, Gaetano Varcasia e Umberto Cipollone e, per la riorganizzazione del Rito scozzese antico ed accettato di Palazzo Giustiniani, un Comitato di reggenza, costituito da Giuseppe Guastalla, Gaetano Varcasia e Umberto Cipollone.

9/4/1945: Totò viene iniziato in Massoneria nella Loggia Palingenesi della Gran Loggia d'Italia.

22/11/1945: La Massoneria Unificata Italiana, guidata dal Reggente Tito Signorelli, si fonde con il Grande Oriente d'Italia, riconoscendo Laj Gran maestro dell'Ordine; in cambio Signorelli fu eletto Sovrano gran commendatore del Supremo Consiglio del Rito scozzese.

6/1962: La Serenissima Gran Loggia d'Italia, guidata da Giovanni Ghinazzi, si trasferisce nella sede a Palazzo Vitelleschi.

22/6/1965: La Serenissima Gran Loggia Nazionale Italiana assume la denominazione di Gran Loggia d’Italia degli Antichi Liberi Muratori (G.L.D.I. degli A.L.A.M.).

18/9/1973: La Serenissima Gran Loggia Nazionale Italiana, con Gran Maestro Francesco Bellantonio, confluisce nel Grande Oriente d’Italia, con Gran Maestro Lino Salvini. Il Supremo Consiglio del Rito Scozzese Antico ed Accettato si trasferisce nei locali di piazza del Gesù. Una parte della Loggia, facente riferimento al generale Giovanni Ghinazzi, prosegue per la sua strada.

25/5/1975: Membri della massoneria (contrari alla riunificazione tra la Serenissima Gran Loggia Nazionale Italiana ed il Grande Oriente d’Italia) durante un convegno all'Albergo Massimo d'Azeglio, ricostituiscono il Grande Oriente italiano Obbedienza Piazza del Gesù, con a capo Il Gran Maestro Pietro Muscolo.

25/1/1982: Legge Spadolini-Anselmi n.7. Norme di attuazione dell'articolo 18 della Costituzione in materia di associazioni segrete e scioglimento della associazione denominata Loggia P2.

1985: Dopo anni di battaglie con il Senato, ll Grande Oriente d'Italia è costretta a trasferire la sede da palazzo Giustiniani alla Villa Medici del Vascello.

12/12/1987: Inaugurata solennemente della nuova sede restaurata del Supremo Consiglio del Rito Scozzese, con la consacrazione dei nuovi Templi.

Proprietà o committenze

Personaggi collegati