Informazioni e Dettagli

Informazioni su AAM Architettura Arte Moderna

Valutazione: ★ 1 stelle

Nata nel gennaio del ‘78 con una mostra dedicata ad Edoardo Persico curata da Maurizio di Puolo, la A.A.M. ha conquistato poco a poco uno spazio culturale a Roma, oggi riverberato ben oltre i confini della città ed assolutamente particolare. Attentamente meritano di essere considerati il ‘momento e il luogo nei quali la A.A.M. ha cominciato a lavorare. lI ‘78 era l'anno successivo all'ultima rivolta giovanile e coincide con l'eclisse della cultura dai luoghi ad essa deputati quali l'università - per esempio - che, assoggettandosi ad un pretestuoso riordinamento per il grande numero, andava appiattendo verso il basso le qualità culturali. Il ‘luogo' era Roma, una periferia dell'impero, terra di frontiera e regno dell'individualismo, ma anche terra di fermenti dove la lotta per la soprawivenza rendeva più acuto e, forse, più aggressivo e vitale ogni apporto creativo. In questo senso - e rispetto al modo in cui si strutturava altrove in forme più particellari il lavoro creativo - Roma era fucina, fervida di presenze, tangenze e passaggi, assai più ricca di quanto potessero essere città, peraltro più inserite nei fenomeni produttivi dell'arte e dell'architettura, come Milano, Bologna ecc. Questo il luogo ed il momento nei quali ho inventato la A.A.M., una galleria, (presto divenuta Centro di Promozione Culturale Arte e Architettura cui in seguito si affiancherà una casa editrice) al servizio di un disegno denso ed avvincente: l'ambizione di individuare un sovrasistema di relazioni reciproche osservando sistemi isolati e analogie tra sistemi apparentemente dissimili. E del resto cosa ci proponevano allora le librerie specializzate e non? O le nostre gallerie private e non? Una languente editoria patinata o di traduzione e rari passaggi di mostre itineranti o di rimbalzo da altre sedi. Ecco, dunque, dove si sentiva acuta la necessità di una presenza informata, curiosa, eclettica, seria.

Anno di fondazione: 1978

url Condividi pagina

Condividi la pagina sui social network