Informazioni e Dettagli

Informazioni su CRDAV Centro Ricerca e Documentazione Arti Visive

Valutazione: ★ 1 stelle

Istituito nel 1979 grazie alla donazione del critico d'arte Francesco Vincitorio, ha come scopo prioritario la documentazione dell'attività espositiva romana in sedi pubbliche e private. Inizialmente, il CRDAV si era dedicato a raccogliere informazioni relative alle attività espositiva di ogni tipo, ma a partire dal 1995 - passato a far parte della Galleria Comunale d'Arte Moderna e Contemporanea di Roma - si è limitato al solo settore dell'arte contemporanea, raccogliendo da allora una documentazione relativa a più di 10.000 eventi. Il Centro Ricerca e Documentazione Arti Visive (CRDAV) è stato associato ai dipartimenti del MACRO nell'aprile 2009. Scopo prioritario del Centro è la documentazione dell’attività espositiva romana in sedi pubbliche e private e dell’opera degli artisti di “area romana”. Cataloghi; materiale documentario minore (inviti, comunicati stampa, dépliant ecc.); monografie e repertori bibliografici d’arte contemporanea; materiale fotografico: tutti i documenti del CRDAV sono tutti schedati elettronicamente. Il CRDAV aderisce al Servizio Bibliografico Nazionale (SBN) e fa parte del Polo SBN del Comune di Roma. Partecipa attualmente al progetto SIMURT che prevede la realizzazione di un Sistema Informativo Integrato per la gestione, la valorizzazione e la divulgazione dei Beni Culturali e Documentali della Sovraintendenza Comunale. Fra le raccolte di rilievo è da menzionare l'Archivio di Enrico Prampolini donato dagli eredi dell'artista, e la cui notevole rilevanza ha comportato l'inserimento del CRDAV nel progetto “Archivi del Novecento”. Il Centro cura, inoltre, la redazione di opere (a stampa e digitali) di carattere documentario e bibliografico attinenti alle sue finalità. A tale proposito è particolarmente significativa la serie dei volumi Roma contemporanea. Repertorio delle mostre d’arte contemporanea dedicati alla documentazione dell’attività espositiva romana in sedi pubbliche e private. Il volume più recente è stato edito nel 2008 da Palombi Editori. In considerazione del cambiamento operato dalle nuove tecnologie negli strumenti della comunicazione e della possibilità di una lettura “non sequenziale” data dall’ipertesto è stato avviato un progetto a carattere retrospettivo per la realizzazione della relativa versione multimediale dei Repertori. Della serie Roma Contemporanea / Contemporary Rome sono stati pubblicati sinora tre CD relativi agli anni 1995-2001 (Roma, Percorsi Grafici).

Anno di fondazione: 1979

url Condividi pagina

Condividi la pagina sui social network