Informazioni generali

Informazioni storiche artistiche sul monumento

Valutazione: ☆☆☆☆★ 1 stella

Monumento Scomparso!

Data: 1910 / 1960

Cronologia

1910: Viene costruito il Motovelodromo Appio ai Colli Albani, per conto dell'Impresario Armando Lori. La pista misura 400 metri, costruito interamente in cemento armato, con le curve maggiori a 45 gradi.

1911: Al al Velodromo Appio si svolgono i Campionati del mondo di ciclismo su pista.

6/5/1923: Quindicimila persone affollano il Velodromo comunale, trasformato in arena spagnola per una corrida. "Una corrida innocente, coreografica, umanitaria, in cui l’uomo e l’animale, faccia a faccia, hanno fatto prova delle proprie abilità, astuzia e forza, senza farsi del male. (corriere della sera)"

28/2/1926: Inaugurazione del nuovo velodromo ai cessati spiriti.

17/7/1927: Al Motovelodromo Appio alle ore 17,30, la neo costituita squadra di calcio della Roma, effettua la sua prima partita, affrontando in amichevole la prestigiosa squadra magiara dell'Ujpesti Torna Egylet. La formazioni romana allenata dall’inglese William Garbutt è composta da: Rapetti, Mattei, Corbjons, Ferraris IV (capitano), Degni, Caimmi, Heger, Boros, Rovida, Cappa, Ziroli. L'incontro termina 2-1 in favore dei giallorossi.

25/9/1927: Al Motovelodromo Appio si svolge la prima partita ufficiale della neo costituita Associazione Sportiva Roma calcio, con il debutto nel Girone B della Divisione Nazionale. La formazione è composta da Rapetti, Mattei, Corbjons, Ferraris, Degni, Rovida, Ziroli, Fasanelli, Bussich, Cappa, Chini Luduena. La squadra romana batte il Livorno 2 a 0, con reti di Ziroli e Fasanelli.

/3/1929: Al Velodromo Appio si tiene una curiosa partita di motocalcio.

23/8/1929: Inaugurata l'illuminazione elettrica notturna del Motovelodromo Appio.

28/5/1930: L'VIII tappa della XVII edizione del Giro d'Italia di Ciclismo, si conclude al motovelodromo Appio con la vittoria di Learco Guerra.

1960: Demolizione del Motovelodromo Appio ai Colli Albani.

Gruppi e Istituzioni

url Condividi pagina

Condividi la pagina sui social network