Informazioni storiche

Informazioni storiche artistiche sul monumento

★ ★ ★ ★ ☆

Data: 1483 / 1495

Codice identificativo monumento: 127

Cronologia

1509: Nella cloaca presso la Cancelleria, viene scoperto un Cippo pomeriale dell'epoca di Claudio.

5/7/1532: Papa Clemente VII, con la bolla pontificia Etsi ad singula, assegna in perpetuo il titolo al vice cancelliere di Santa Romana Chiesa.

1588: Papa Sisto V atorizza il suo architetto Domenico Fontana, di distruggere gli ultimi resti del Settizonio per prelevare materiali da costruzione per le sue nuove fabbriche. I lavori costano 905 scudi, abbondantemente compensati dal ricavato in peperino, travertino, marmi rari e colonne. Trentatré blocchi di pietra sono usati nella fondazione dell'obelisco di Piazza del Popolo; 104 blocchi di marmo nel restauro della Colonna Antonina, includendo la base della statua di San Paolo che la corona; 15 nella tomba del Papa nella Cappella del Presepio in Santa Maria Maggiore, e altrettanti nella tomba di Pio V; la scalinata della Casa dei Mendicanti presso Ponte Sisto, il «lavatore» per servizio delle povere donne alle Terme di Diocleziano, la porta del Palazzo della Cancelleria, la facciata nord di San Giovanni in Laterano, con il cortile e la scalinata, infine la chiesa di San Giacomo degli Schiavoni.


Fonte: Rodolfo Lanciani, Rovine e scavi di Roma antica

4/1/1722: Festa poetica dell'Accademia dell'Arcadia celebrata nel palazzo della Cancelleria del cardinale Pietro Ottoboni.

15/11/1848: Il capo del governo pontificio Pellegrino Rossi viene accoltellato a morte al Palazzo della Cancelleria. Il capopopolo Ciceruacchio, insieme a Carlo Luciano Buonaparte, principe di Canino inscena sotto il Palazzo del Quirinale una tumultuosa manifestazione, per chiedere "un ministro democratico, la costituente italiana e la guerra all'Austria".

5/2/1849: Prima seduta dell'Assemblea Costituente della Repubblica Romana; Garibaldi propone la forma di Governo Repubblicana.

7/2/1849: L'Assemblea Costituente della Repubblica Romana elegge Presidente Giuseppe Galletti e Vicepresidenti Aurelio Saffi e Luigi Masi.

9/2/1849: I deputati dell'Assemblea Costituente, riuniti nel Palazzo della Cancelleria, approvano (con 120 voti favorevoli, 10 contrari e 12 astenuti) l'ordine del giorno in quattro articoli denominato «Decreto Fondamentale», che costituisce il primo nucleo della Costituzione della Repubblica Romana. Il presidente dell'Assemblea, Giuseppe Galletti, legge il Decreto Fondamentale in forma solenne, affacciato dalla loggia del Palazzo Senatorio in Campidoglio, proclamando ufficialmente la nascita della nuova Repubblica romana.

12/2/1849: L'Assemblea Costituente della Repubblica Romana decide di adottare come Bandiera il Tricolore verde bianco rosso, con l'aquila romana sull'asta.

29/3/1849: L'Assemblea Costituente della Repubblica romana, venuta a conoscenza della sconfitta di Novara, scioglie il Comitato Esecutivo ed elegge un triumvirato costituito da Giuseppe Mazzini (132 voti), Aurelio Saffi (125 voti) e Carlo Armellini (93 voti), con sede al Palazzo della consulta.

1878: Papa Leone XIII, concede ospitalità permanente all’Accademia Tiberina nel Palazzo della Cancelleria Apostolica.

1906: L’Accademia Tiberina, per esigenze funzionali di alcuni Uffici della Santa Sede l’Istituzione, si trasferisce dal Palazzo della Cancelleria.

1938: Scavi al Palazzo della Cancelleria portarono alla scoperra del sepolcro di Aulo Irzio, parzialmente immerso nelle acque della falda. Appoggiate al sepolcro sono inoltre rinvenute alcune lastre scolpite a rilievo, l'Ara dei Vicomagistri (di epoca claudia) e due rilievi dell'epoca di Domiziano. Le opere sono esposte ai Musei Vaticani, mentre nel palazzo della Cancelleria sono conservati i calchi.

31/12/1939: Scoppia un violento incendio che riduce in cenere il tetto del palazzo della Cancelleria. L'incendio viene domato dai Vigili del Fuoco ma per motivi statici, si decide di demolire la torretta del Belvedere, ricostruita senza orologio più arretrata.

1988: Scavi sotto il cortile del palazzo della Cancelleria rivelano fondazioni (IV e V secolo) della grande basilica fondata da papa Damaso I. La presenza di una navata trasversale posta dietro l'abside, indica che era circondata da portici. Inoltre viene identificato un cimitero in uso dall'VIII secolo fino a poco prima della costruzione dei palazzo.

autori

url Condividi pagina

Condividi la pagina sui social network