Informazioni generali

Informazioni storiche artistiche sul monumento

★ ★ ★ ★ ☆

Data: -35 / 203

Cronologia

80: Un incendio devasta il Campo Marzio. Danni al Portico di Ottavia, al Teatro di Pompeo. Il Pantheon e alla Basilica di Nettuno sono distrutti. A causa dei detriti, nell'area sacra viene realizzata una nuova pavimentazione in travertino, che accorcia le scalinate d'ingresso ai templi.


Fonte: Cassio Dione

191: Un incendio distrgge una parte della città, e l'imperatore Commodo pretende di rifondarla con il nome "Colonia Commodiana". Danni al Tempio di Veste, Foro della Pace, Portico di Ottavia ed i palazzi imperiali,

1864: Papa Pio IX incarica l'architetto Alessandro Bettocchi di curare un primo restauro del Portico di Ottavia, affiancato dal mons. Pellegrini, responsabile sia degli scavi.

1873: Si conclude la prima campagna di scavi e restauro al Portico di Ottavia. Sono state isolate le colonne, riportato alla luce il pavimenti in travertino e demolito il muro che chiudeva l'arco in laterizio.

/4/1876: Durante una riunione della giunta comunale, il sindaco Venturi richiama l’attenzione dell'assemblea sull’esigenza di dotare la città di un funzionale mercato all'ingrosso del pesce, sia per ridefinire l’organizzazione del commercio ittico, sia per liberare la storica sede che si era installata del Portico d'Ottavia.

23/12/1877: Inaugurazione del nuovo mercato del pesce al Velabro.

1878: Scavi del Lanciani nel Portico di Ottavia portano all'isolamento del Propileo di Accesso.

1/1/1879: Con ordinanza municipale, viene intimata la cessazione del mercato del pesce al Portico d' Ottavia e il suo completo trasferimento nel nuovo edificio presso il Velabro.

21/4/1926: Inaugurati per la ricorrenza del Natale di Roma, i lavori per la liberazione del Teatro di Marcello nella zona del Circo Flaminio, guidati dall'architetto Calza Bini.

1938: Scavo dei propilei del Portico d'Ottavia a cura dell'architetto Fidenzoni.

1960: Restauro statico del portico di Ottavia. Sono poste delle grappe di ferro per sostenere le colonne dell'angolo sud ovest.

1994: Restauri alla facciata orientale del propileo del Portico di Ottavia. Viene scoperto l'angolo superiore della trabeazione che risultava da secoli invisibile perchè inglobato in uno sperone (ormai privo di funzione strutturale).

1996: Avvio di nuovi indagine archeologiche al Portico di Ottavia, nella parte del piano interno del propileo.

18/12/2017: Si concludono i restauri del Portico di Ottavia. Oltre alla pulizia di tutte le superfici, sono stati rimossi i perni metallici (che sostenevano alcune colonne dal restauro del 1960) ed è stata realizzata una nuova sistemazione archeologica per il potenziamento dell’accessibilità e della fruizione.

autori

url Condividi pagina

Condividi la pagina sui social network