Informazioni storiche

Informazioni storiche artistiche sul monumento

★ ★ ★ ★ ★

Data: 1949 

Codice identificativo monumento: 2026

Cronologia

1949: Palazzo Barberini viene acquistato dallo Stato italiano in extremis utilizzando il diritto di prelazione, al prezzo di ottocento milioni di lire.

21/5/1953: Il Museo Galleria Nazionale di Palazzo Barberini apre al pubblico.

1957: Le collezioni del Museo Artistico Industriale sono smembrata fra il Comune e vari istituti museali di Roma. A Palazzo Barberini, viene conservato il nucleo principale, di circa duemila oggetti, in particolare ceramiche, vetri, stoffe e sculture lignee. Al Museo di Palazzo Venezia giungono preziosi frammenti marmorei duecenteschi, dalle stoffe copte, dalle maioliche, dalle statue lignee, dalle serrature e dagli elementi di arredo. I reperti archeologici sono invece inviati ai Musei Capitolini.

23/5/2022: Alla presenza di Massimo Osanna, direttore generale dei Musei, e Flaminia Gennari Santori, direttrice delle Gallerie Nazionale di Arte Antica, si svolge la presentazione di due dipinti entrati a far parte della collezione delle Gallerie Nazionali di Arte Antica di Roma grazie all'acquisizione da parte dello Stato, su indicazione del museo stesso: La morte di Cleopatra di Giovanni Lanfranco e lo studio preparatorio del Ritratto del Cardinale Antonio Barberini di Simone Cantarini.

autori

url Condividi pagina

Condividi la pagina sui social network