Informazioni storiche

Informazioni storiche artistiche sul monumento

★ ★ ★ ☆ ☆

Data: 1585 / 1844

Codice identificativo monumento: 227

Cronologia

19/7/1515: Com la bolla Salvatoris Nostris, Leone X eleva l'istituto al rango di arcispedale. Una parte dei beni viene utilizzato al mantenimento delle oneste fanciulle povere. L'ospedale comincia a governarsi in autonomia, guidato da quattro guardiani affiancati da due sindaci con funzioni di revisori dei conti.

/9/1525: Papa Clemente VII affida la cappella dei Miracoli presso piazza del Popolo, al vicino Ospedale di San Giacomo degli Incurabili, in modo che le ingenti offerte potessero servire a coprire le spese dell'Ospedale.

1571: Camillo de Lellis viene ricoverato per la prima volta all'ospedale di San Giacomo, a causa di una piaga sulla gamba destra. Assunto come garzone, fu in seguito licenziato per cattiva condotta.

1575: Camillo de Lellis viene nuovamente ricoverato all'ospedale di San Giacomo. Resta in seguito a far parte della famiglia ospedaliera e comincia a lavorare con entusiasmo e mutato animo, tanto che diventa presto "maestro di casa".

1584: Camillo de Lellis scrive all'ospedale di San Giacomo le Regole per ben servire gli infermi, Getta le basi del servizio sanitario infermieristico ed assistenziale negli ospedali.

12/8/1825: Con breve apostolica, Papa Leone XII, concede a Teresa Orsini Doria i locali abbandonati dell'ex Ospedale dei Convalescenti a via di San Giovanni in Laterano. Vi istituisce l'Ospizio delle Dame Lauretane, un ricovero per le giovani dismesse dall'Ospedale di San Giacomo che intendono abbandonare la vita licenziosa.

24/5/1896: Gli Ospedali romani e i loro patrimoni sono fusi in un'unica amministrazione, il Pio Istituto di S. Spirito e Ospedali riuniti di Roma.

1976: Il Pio Istituto di Santo Spirito e Ospedali Riuniti viene sciolta, con lo scioglimento degli Enti ospedalieri (e la successiva istituzione del Servizio sanitario nazionale). I numerosi beni sono assegnati al Comune, con vincolo di destinazione alle USL.

11/8/2008: Con legge regionale articolo 64 la giunta regionale adotta gli atti necessari alla chiusura dell ospedale San Giacomo. Il Presidente della regione Lazio, che fino a pochi mesi prima inaugurava i reparti, delibera con la giunta la sua chiusura entro il 31 ottobre 2008.

7/4/2021: Sentenza del Consiglio di Stato che accoglie il ricorso di Oliva Salviati (discendente del Cardinale omonimo) in merito alla volontà dell'avo di destinare l'immobile alla città di Roma per farne un ospedale e contro la decisione di chiuderlo nel 2008 della Regione Lazio.

autori

url Condividi pagina

Condividi la pagina sui social network