Informazioni generali

Informazioni storiche artistiche sul monumento

Valutazione: ☆☆★ ★ ★ 3 stelle

Cronologia

1587: Ciriaco Mattei fa trasportare nella villa al Celio l'obelisco ricevuto in dono dal comune.

1810: L'amministrazione francese guidata dal prefetto napoleonico De Tournon, avvia l'istituzione di un vivaio per la produzione di piante e la creazione di un servizio che si occupi dei giardini, in modo da abbellire le aree verdi della cittą e a creare un servizio pubblico in grado di gestirle.

1813: Il direttore dei giardini e dei vivai imperiali Ippolito Nectoux, firma un compromesso di locazione per l'area di San Sisto a Villa Celimontana, per istituire il primo vivaio comunale di Roma.

1848: Al fine di rendere meno provvisoria la situazione del vivaio di San Sisto, il vecchio affitto venne trasformato in enfiteusi della durata di 29 anni.

1859: L'affitto del vivaio di San Sisto viene trasformato in enfiteusi perpetua.

21/4/1925: Firmata in Campidoglio la convenzione tra stato e comune per la concessione in uso al Comune, dell'area del Colle Oppio, Villa Celimontana e del Palazzo demaniale di Sant'Agostino.

1926: Il parco di villa Celimonatana viene ceduto al comune di Roma.

1931: Terminano i lavori di allargamento di Piazza della Navicella con la ricostruzione del portale della Villa Giustiniani di via Flaminia, demolito nel 1885 e rimontato con alcune aggiunte.

autori

url Condividi pagina

Condividi la pagina sui social network