Informazioni generali

Informazioni storiche artistiche sul monumento

Valutazione: ☆★ ★ ★ ★ 4 stelle

Data: 1591 / 1593

Cronologia

1551: Papa Giulio III acquista la proprietà di Villa Poggio, con tutte le opere d’arte ivi contenute, per ampliare il complesso di Villa Giulia.

1557: Papa Paolo IV rivendica a Fabiano Ciocchi del Monte (nipote di Giulio III), la proprietà di Villa Giulia, perché acquistate con i soldi della Chiesa. Viene confiscata anche la Vigna di Balduino e la Vigna Bassa.

1561: Papa Pio IV dona ai nipoti, il cardinale Carlo Borromeo e il conte Federico Borromeo, tutti i terreni di Villa Giulia nel fondovalle a destra della Flaminia.

8/1/1889: Felice Barnabei per raccogliere insieme tutte le antichità pre-Romane del Lazio, dell'Etruria meridionale e dell'Umbria appartenenti alle civiltà etrusca e falisca, istituisce il Museo nazionale etrusco.

1890: All'interno del Giardino di Villa Giulia, nuova sede del Museo Nazionale Etrusco, grazie all'opera e gli scavi di Adolfo Cozza e Herman Winnifeld, viene realizzato una ricostruzione a grandezza naturale del tempio etrusco-italico scoperto nel 1882 ad Alatri. Gli scavi in località La Stazza avevano messo alla luce una struttura con cella di 6.39 metri, pronao lungo 6,79 metri e largo 7,92 metri.

26/5/1946: Dopo la lunga parentesi della guerra il Museo Etrusco di Villa Giulia è riaperto ai visitatori.

29/6/1953: Al Ninefeo di Villa Gilulia, si conclude la VII edizione del premio Strega. Alla seconda votazione vince Massimo Bontempelli, con il romanzo L'amante fedele.

1962: Nel Ninfeo di Villa Giulia viene realizzato un riallestimento di Sergio Tofano della Mandragola di Niccolò Machiavelli, con Mario Scaccia. il riallestimento ha un forte valore simbolico per la recente abolizione della censura teatrale, a opera del centrosinistra al governo.

autori

url Condividi pagina

Condividi la pagina sui social network