Storia del Monumento

Informazioni storiche artistiche sul monumento

Data: 1594 / 1936

Cronologia

1815: La fontana di Campo vaccino viene smontata. Il Catino viene riutilizzato per ornare la fontana di Piazza del Quirinale. Il precedente catino viene a sua volta spostato nel secondo cortile del convento dei Santi Apostoli.

1827: Il mascherone della fontana del campo vaccino viene viene posto ad ornamento di un abbeveratoio nel porto Leonino.

1890: In seguito alla costruzione dei muraglioni del Tevere, il Mascherone che orna l'abbeveratoio del porto leonino viene smontato e depositato nei magazzini comunali.

Descrizione

La fontana, che si vede attualmente è il risultato della composizione relativamente recente che l'Architetto Antonio Munoz realizza nel 1936, inserendola in una nicchia del nudo muro di mattoni, cinta della Chiesa di S. Sabina e del Parco Savello.

Il catino, non originario, è un'antica vasca termale di granito, caratterizzata da maniglioni in bassorilievo; da esso l'acqua trabocca nella sottostante piscina a raso terra, di forma rettangolare, riproponendo l'antica struttura.

Il Mascherone , contenuto nella valva di una conchiglia, marcato da ciglia aggrottate e grandi baffi occultanti la bocca d'acqua, è opera dello scalpellino Bartolomeo Bassi che realizza il manufatto nell'anno 1593, sul disegno di Giacomo della Porta.

Il progetto arcitettonico si basa sull'utilizzo di una bella vasca circolare in granito egiziano, che sormontata da un'edicola, con volute laterali, inglobante il mascherone, poggia su una bassa piscina rotonda; la vasca è la gran tazza di granito , così definita da Flaminio Vacca nelle “Memorie” del 1594, proveniente dal Foro Romano; qui è rinvenuta, interrata, davanti alla statua di Martorio, accanto all'Arco di Settimio Severo.

L'opera, alimentata dall'Acqua Felice, va a sostituire la più modesta vasca ivi esistente, realizzata da Matteo Bartolani. La bellezza della composizione dà una nota d'importanza all'area del Foro, ormai pascolo di bovini, e suscita l'interesse di un altro progettista, Carlo Fontana, che ne propone più degna collocazione, nel 1782.

L'idea viene approvata ma realizzata solo nel 1816 : la fontana del Campo Vaccino viene quindi smontata nel 1815 ed il solo catino adorna il piazzale di Montecavallo, antistante la nuova sede papale mentre il mascherone, spogliato dell'edicola, viene addossato ad un nudo muro di un abbeveratoio, nel porto Leonino alla Lungara.

Questa sistemazione, lungo la riva esterna del Tevere, diventa provvisoria per la decisione di costruire i muraglioni degli argini fluviali e dopo esservi stato allocato nel 1827, il Mascherone smette nel 1890 di far zampillare il getto nell'anonimo abbeveratoio, viene quindi rismontato e depositato nei magazzini comunali.

L'Architetto Munoz, operante fin dal 1909 quale Ispettore Generale delle Antichità e Belle Arti nella sistemazione urbanistica di Roma, dirige numerosi lavori di restauro di antichi templi e basiliche della città Caput Mundi; in questo ambito recupera il Mascherone dai magazzini comunali, decide di dargli nuovo lustro e ne propone la collocazione sull'Aventino.

Personaggi collegati

Autori e progettisti

url Condividi pagina Condividi la pagina sui social network

Newsletter eventi a roma

Iscriviti alle newsletter di Info.roma.it

Scopri roma con info.roma.it

Programma dell'associazione organizzate per Tipologia

torna ad inizio pagina
torna ad inizio paginahome page trovavisite e passeggiatemeravigliemonumentieventigastronomialinkstradenewscondividi paginaricerca
Info.roma.it è un progetto sostenuto dai soci e dalle Donazioni. Contribuisci al suo sviluppo!    Ringraziamenti   Privacy policy