Informazioni generali

Informazioni storiche artistiche sul monumento

Valutazione: ☆☆☆★ ★ 2 stelle

Cronologia

1143: Nei manoscritti di Benedetto canonico di san Pietro sono citata per la prima volta dei De ludo carnelevarii presso i Prati di Testaccio.

1256: Un contratto di en?teusi cita la celebrazione del carnevale come "ludus Testaccie al Mons Palio".

1363: Pubblicazione degli Statuti del Comune di popolo. Nel terzo libro sono descritte le procedure organizzative della solenne celebrazione dei ludi di Testaccio, con l'af?damento della gestione delle spese ai consoli delle universitates dei bovattieri e dei mercanti, il controllo dei Conservatori, e il tributo pecuniario per il ?nanziamento dei giochi imposto alla comunità ebraica. Tra leesibizioni ludiche sono elencate le giostre agli anelli (da tenersi due in Agonee due a Testaccio) una volta per i cives, una volta per gli scutiferi. Si sottolinea che nel gioco domenicale si svolgano tre palii equestri e la caccia ai porci e ai tori, lanciati con sei carrette dal pendiodi Monte Testaccio.

18/2/1414: Presso il Monte Testaccio, si svolge una rappresentazione del martirio di Pietro e Paolo fattadai giocatori del rione Monti a Testaccio.

1443: Nelle sue cronache, Paolo di Lello Petrone si rammarcia che nell'edizione dei Ludi carnevaleschi di testaccio, si è corso un solo palio (in luogo di tre) e sono lanciate dal monte solo quattro carrozze ( invece delle tradizionali sei).

1465: Paolo II Barbo sposta i Ludi del Carnevale da testaccio alla via Lata, presso il suo nuovo palazzo. Le novità introdotte, oltre che nella diretta ingerenza papale nell'organizzazione e nel fnanziamento, consistono nell'aggiunta ai palii equestri di Testaccio di altre sei corse agonistiche e burlesche, i palii dei ragazzi, dei giovani, dei giudei, dei sessantenni, degli asini, dei bufali. Sono inoltre organizzati banchetti pubblici offerti al popolo e ai magistrati.

1469: Paolo II procede ad una revisione degli Statuti di Roma. Tra le novità, si deplora l'immoralità dei funzionari pontifici che si facessero corrompere accettando doni. La festa di Testaccio risulta confermata nelle sue procedure e consuetudini, con un incremento degli oneri imposti alla comunità ebraica e nell'intensificazione del calendario dovuta ai nuovi palii.

1501: Durante il carnevale, non sono celebrate le tradizionali feste di Agone e di Testaccio, «ma in varie piazze, degli Orsini a monte Giordano, Sciarra e altrove, si uccidono buoi eanche uomini».

1536: Papa Paolo III ripristina per il carnevale i giochi di Agonee Testaccio. Il corteo di Agone è curato dal magister stratarum Latino Giovenale Manetti come rievocazione del trionfo di Paolo Emilio.

1545: Ultima festa di carnevale ai Prati di Testaccio.

1670: Pietro Ottini e Domenico Coppitelli acquistano 200 canne di terreno adiacente al colle per aprirvi "grottini" destinati ad osterie.

24/9/1742: Papa Benedetto XIV emana un editto in difesa del Monte dei Cocci di testaccio che vietava lo scavo e l’asportazione di terra e cocci, dannoso al buon mantenimento delle grotte per il vino e alla conservazione "di una antichità così celebre".

16/9/1744: Editto dei conservatori di Roma in difesa del Monte dei Cocci di testaccio. Una targa posta presso l'ingresso all'altura, proisce il pascolo sull'altura.

3/6/1849: Comincia l'assedio francese di Roma. Il generale Oudinot attacca con le proprie truppe il versante del gianicolo. Non solo stava rinnegando un precedente trattato di alleanza ma addirittura aveva annunciato per il 4 giugno la data di riprese delle ostilità. Su monte dei cocci viene posizionata una batteria di artiglieria che da tale altezza prendeva agevolmente e insistentemente di mira i francesi accampati vicino alla Basilica di San Paolo fuori le mura.

1873: L'archeologo Heinrich Dressel avvia le prime rilevazioni archeologiche sul monte testaccio, con una catalogazione dei cocci e classificazione delle anfore sulla base dei bolli e dei tituli picti rinvenuti.

1910: Demolizione dell'officina del Gas al Circo Massimo, sostituita dal nuovo impianto a via ostiense. I materiali di sterro sono riportati presso la zona del Monte Testaccio.

24/5/1914: Il parroco di Santa maria Liberatrice, don Luigi Olivares, sostituisce la croce lignea del monte testaccio, distrutta da un incendio, con una nuova in ferro.

21/4/1928: Iniziano gli scavi della testata sud est del Circo Massimo. Il materiale di risulta viene scaricato al Monte testaccio.

1989: Il professore Emilio Rodrìguez-Almeida dell'università Complutense di Madrid avvia una campagna di scavi e studi sulla sommità del Monte Testaccio.

Committenti e finanziatori

url Condividi pagina

Condividi la pagina sui social network