Informazioni storiche

Informazioni storiche artistiche sul monumento

★ ★ ☆ ☆ ☆

Data:  / 1938

Codice identificativo monumento: 5571

Cronologia

1910

Dante Vaglieri, nuovo direttore degli scavi di ostia antica, avvia i lavori per riportare alla luce il Teatro romano. Viene rimuossa tutta la terra dalla cavea e dagli ambienti sottostanti (le taberne), liberando i muri radiali di sostegno e portando alla luce tracce di utilizzo del monumento successive all'età classica. Nel medioevo infatti le arcate esterne erano state murate con materiale vario, trasformando il monumento in una piccola fortezza

1913

Si concludono i primi scavi al Teatro romano di ostia antica. Al termine dei lavori, il direttore Dante Vaglieri, per proteggere i resti, ricopre tutti gli ambienti con terra di riporto. Le gradinate della cavea sono ripristinate con un pendio erboso, utilizzabile dal pubblico per assistere a piccoli spettacoli teatrali.

1922

Prima rappresentazione, con gli alunni della scuola elementare di Ostia, nel teatro romano di Ostia antica, dopo i lavori di scavo.

1924

Il nuovo direttore degli scavi di Ostia antica Guido Calza, propone un progetto di ricostruzione delle gradinate del teatro al Ministero della Pubblica Istruzione, per rendere il teatro nuovamente utilizzabile. Il progetto viene affidato all'architetto Raffaele de Vico con la consulenza di Italo Gismondi. I muri e le volte di sostegno alle gradinate sono in gran parte ricostruiti. Per ridurre i costi ed evitare una ricostruzione troppo estesa, viene deciso di ricostruire solo due terzi dell'antica cavea, portando la capienza dell'edificio a 2.700 spettatori.

5/1927

Viene posta una targa in memoria dei restauri di ripristino della Cavea del teatro di ostia antica.

24/5/1927

Il nuovo teatro di ostia antica, conclusi i restauri di ripristino della cavea, ospita gli spettacoli classici dell'Istituto Nazionale del Dramma Antico di Siracusa.

1938

Ricostruire di una parte della facciata del Teatro di ostia antica, rialzando quattro delle ventitré arcate del primo ordine esterno. La ricostruzione si basava sui frammenti di pilastri e di arcate trovati da Dante Vaglieri all'inizio del secolo, rifatti utilizzando mattoni moderni molto simili a quelli antichi.

Progetto

url Condividi pagina

Condividi la pagina sui social network