Informazioni storiche

Informazioni storiche artistiche sul monumento

★ ★ ★ ☆ ☆

Data: -80 / 283

Codice identificativo monumento: 570

Cronologia

-80: Lucio Cornelio Silla decise di ingrandire la preesistente Curia Hostilia in risposta all'aumento considerevole del numero dei senatori della Repubblica Romana.

-52: Giulio Cesare acquista terreni in un'area adiacente al Foro romano e avvia la realizzazione di una nuova piazza monumentale e la ricostruzione della Curia del Senato.

/1/-52: L'edificio della Curia viene distrutto da un incendio durante il funerale di Publio Clodio Pulcro. Ricostruita da Fausto Cornelio Silla, figlio del dictator, le viene attribuito in suo onore il nome di Curia Cornelia.

28/8/-29: Ottaviano inaugura la nuova Curia al Foro romano, iniziata dal padre adottivo ormai pił di un decennio prima.

283: Un vasto incendio colpisce la cittą provocando ingenti danni ai monumenti.

24/8/410: Dopo un terzo assedio, i Visigoti guidati dal loro re Alarico, entrano in cittą da Porta Salaria e la saccheggiano per tre giorni. Sono incendiati il palazzo dei Valerii sul Celio, la curia Iulia e le ville sull'Aventino; gravemente danneggiate le terme di Decio vennero; distrutto il tempio di Giunone regina; spogliate le statue del Foro. L'imperatrice Galla Placidia presa in ostaggio da Alarico. Nonostante tutto, Alarico impartisce l'ordine di risparmiare i luoghi di culto, che considera come luoghi di asilo inviolabili dove non poteva essere ucciso nessuno.

9/5/1939: Mussolini inaugura la restaurata Curia Julia.

25/1/1946: Papa Pio XII, a causa della distruzione dell'antica chiesa per il restauro della curia del Senato, con la costituzione apostolica Sancti Hadriani Ecclesia, sopprime la diaconia di Sant'Adriano al Foro e la trasferisce a quella di San Paolo alla Regola.

autori

url Condividi pagina

Condividi la pagina sui social network