Informazioni generali

Informazioni storiche artistiche sul monumento

★ ★ ★ ☆ ☆

Cronologia

4/1/1840: Giungono a Villa Torlonia i due obelischi di granito rosa. Le pietre erano state estratte dalle cave di granito rosa di Baveno, lavorate a Milano, trasportate attraverso il Po fino al mare, da Venezia fino a Fiumicino, attraverso il Tevere fino alla confluenza con l'Aniene.

4/6/1842: Inaugurazione ufficiale e cerimonia per l'erezione del primo obelisco di Villa Tolonia a via Nomentana, dedicato da Alessandro Torlonia al padre Giovanni. Pressenti il papa Gregorio XIV e il principe Ludwig di Baviera. In circa mezz'ora l'obelisco è portato sulla verticale del piedistallo, ma un violento acquazzone costringe le maestranze ad interrompere l’operazione e cercare riparo. Anche il papa si ripara nel Casino Nobile e il principe è lieto di farglielo visitare. L'innalzamento riprende dopo il tramonto, alla luce delle fiaccole, dopo aver sostituito le corde che erano inzuppate d'acqua. Seguono fuochi d’artificio, sparo di mortaretti, lancio di palloni aerostatici e musica da diverse bande.

26/7/1842: A Villa Torlonia, in occasione della festa di Sant'Anna, si svolge la cerimonia per l'erezione del secondo Obelisco. Viene dedicato da Alessandro Torlonia alla madre Anna Maria.

14/2/1889: Con Regio Decreto si decide l'allargamento da dieci a quaranta metri della Via Nomentana come opera di pubblica utilità, dando avvio ai conseguenti espropri.

1907: Per l'ampliamento della via Nomentana, il fronte sulla strada di Villa Torlonia è arretrato di circa 20 metri. Sono abbattuti: l'ingresso del Valadier, i Rudere di anfiteatro, il Tempio diruto di Minerva e la Caffehaus.

1918: Nel corso di alcuni lavori nelle scuderie di Villa Torlonia, viene scoperta una catacomba ebraica.

6/9/1928: Con regio decreto n.2085, viene istituito l'istituto internazionale per la cinematografia educativa, con sede nel Casino Medievale di Villa Torlonia.

25/3/1929: Louis Lumière visita l'Istituto internazionale per la cinematografia educativa nella sede del Villino Medievale a Villa Torlonia.

6/4/1932: Il senatore Giovanni Agnelli presenta la prima auto Balilla a Mussolini presso Villa Torlonia.

21/4/1932: Benito Mussolini inaugura la conclusione dei lavori di Corso Trieste e Viale Eritrea. Per l'occasione, vengono realizzate dei propilei a forma di fascio littorio, tra corso Trieste e via Nomentana, di fronte alla villa del Duce.

1940: Si avvia la realizzazione di un primo bunker a Villa Torlonia, residenza di benito Mussolini, riadattando degli ambienti sotterranei già presenti all’interno del parco, che si sviluppavano sotto il laghetto del Fucino, utilizzati in origine dai Torlonia come cantine per la conservazione del vino. Lo spazio sotterraneo originario era dotato di un solo ingresso, seguito da un corridoio e da una scala. Viene aggiunta una seconda uscita di sicurezza con rampa e un camino a pioli.

1941: Si avvia la realizzazione di un secondo bunker a Villa Torlonia, residenza di benito Mussolini. Ritenendo inadatto il primo rifugio, realizzato adattando le cantine per la conservazione del vino, si decise di rinforzare con muri di cemento armato di 1 metro e 20 di spessore, la sala centrale nel seminterrato del Casino Nobile.

/11/1942: Si avvia la realizzazione di un terzo bunker a Villa Torlonia, residenza di benito Mussolini, ritenendo pericoloso utilizzare il rifugio nel seminterrato del Casino Nobile. I Vigili del Fuoco, che realizzano lo scavo, scoprono che il terreno prescelto è inconsistente e si rende necessario scavare ancora più in profondità a 6,50 metri sotto il piano di campagna. Al di sopra e intorno al bunker viene realizzata una gettata di ben 6 metri di spessore di cemento armato. Per accedervi direttamente dal Casino Nobile, si realizza una ripida scala sul lato orientale del seminterrato.

1944: Il comando anglo americano si installa a Villa Torlonia.

1947: Il comando anglo americano riconsegna Villa Torlonia.

1973: Nuova campagna di scavi archeologici evidenziano la presenza di una seconda catacomba ebraica unita, alla prima scoperta a Villa Torlonia.

1978: Il Comune di Roma espropria villa Torlonia sulla Nomentana, poiché il senatore Alessandro Gerini, proprietario del complesso, non manteneva con la necessaria cura gli edifici. Apre il parco al pubblico, recintando tutte le costruzioni

1991: Un incendio danneggia gravemente la Casina delle Civette di Villa Torlonia.

1/12/2000: Il sindaco di Roma Rutelli ed il presidente della Repubblica Ciampi inaugurano la nuova sede dell'Accademia delle Scienze XXL, presso il Villino Rosso di Villa Torlonia.

23/12/2006: Inaugurazione del Museo di Villa Torlonia. All'ultimo piano si trova il Museo della Scuola Romana, nato grazie all'impegno ed al contributo di Netta Vespignani, Miriam Mafai, Enzo Siciliano e Claudia Terenzi. Le opere esposte nelle sale del Museo offrono uno sguardo d’insieme su uno dei momenti più interessanti e vitali dell’arte italiana del Novecento: la ricerca figurativa a Roma nel periodo compreso tra la prima e la seconda guerra mondiale.

2007: Le scuderie vecchie di villa Torlonia sono adibite a biblioteca dell'Accademia delle Scienze XXL.

2007: Partono i lavori di restauro della Serra e Torre Moresca a villa Torlonia.

2013: Si concludono i lavori di restauro della Serra e Torre Moresca a villa Torlonia. Il sito non viene comunque ancora aperto al pubblico.

1/12/2020: La Giunta Capitolina approva uno stanziamento di 324mila euro per un progetto esecutivo sulla riqualificazione ambientale di Villa Torlonia. Il progetto prevede una serie di interventi di riqualificazione ambientale: bonifica della vegetazione e rimozione delle piante infestanti, potature, ripristino del manto erboso nell'area oggetto dei lavori, abbattimenti e messa a dimora di nuove piante, installazione di nove panchine. Una parte significativa dello stanziamento di 324mila euro (268mila il costo dei lavori, più le spese fisse), così come richiesto dai cittadini, è destinata alla realizzazione di due grandi spazi ludici (complessivamente circa 1.000 mq), dotati di giochi inclusivi, nella zona sud della Villa, destinata fin dal principio a usi agricoli.

Committenti e finanziatori

url Condividi pagina

Condividi la pagina sui social network