Storia Monumento

Informazioni storiche artistiche sul monumento

Valutazione: ☆☆★ ★ ★ 3 stelle

Cronologia

15/8/1425: Nella basilica di S. Maria Nova al Palatino, giorno dell’Assunzione, dieci donne, guidate da Francesca Bussi Ponziani (detta Francesca Romana), si offrono come oblate della Vergine, retta dai monaci olivetani. Il piccolo gruppo delle compagne era costituito da esponenti delle famiglie più ricche e facoltose della nuova nobiltà cittadina, ma soprattutto legate alla nuova borghesia degli affari e dei commerci. Pur continuando a vivere nelle proprie case, esse si impegnavano, con l’oblazione, a una vita cristiana più perfetta, nella frequenza sacramentale, nelle penitenze, nelle opere di carità.

25/3/1433: Le oblate di Francesca Ponziani, nel giorno della festa dell'Annunciazione, si trasferiscono nella nuova casa affittata presso la chiesa di Sant'Andrea dei Funari al rione Campitelli. L'abitazione sorge all’ombra della Torre degli Specchi e le oblate vi si ritirarono il 25 marzo, , data di inizio della vita in comune.

4/7/1433: Papa Eugenio IV ricosce ufficialmente l'istituto fondato da Francesca Ponziani, concedendo alle oblate il diritto di possedere una casa, eleggersi una presidente, accogliere altre donne e scegliersi un confessore. Francesca affida la cura della comunità a tre procuratori: il sacerdote Giovanni Mattiotti, l’olivetano Ippolito, il francescano Bartolomeo Bondi, figure in un certo senso speculari ai tre intercessori celesti della nuova congregazione.

9/8/1439: Approvazione dei monaci olivetani per l'istituto fondato da Francesca Ponziani.

1440: L'abate generale dei monaci olivetani, fra Battista da Poggibonsi definisce i rapporti giuridici tra l’ordine di Monte Oliveto e le suore, cui veniva concessa una larga autonomia anche riguardo all'accettazione delle nuove oblate. Rimaneva al priore di S. Maria Nova il diritto di ricevere l’oblazione e il dovere di dare alle suore una sepoltura onorevole nella basilica.

9/3/1645: Subito dopo la sua elezione, Innocenzo X Pamphili, celebra la messa al convento di Tor de Specchi. Con particolare solennità, compone l’orazione per l'Ufficio di santa Francesca, tuttora recitata dalle oblate. Da questo momento inizia la consuetudine papale di venire a Tor de’ Specchi per la festa della santa.

2/3/1960: Giovanni XXIII visita il convento di Tor de Specchi.

12/2/1964: Paolo VI visita il convento di Tor de Specchi.

29/4/1984: Giovanni Paolo II visita il convento di Tor de Specchi.

Committenti e finanziatori

url Condividi pagina

Condividi la pagina sui social network