Romamultietnica

XXV Festival Sete Sóis Sete Luas

XXV Festival Sete Sóis Sete Luas

Da giovedì 13 a giovedì 20 luglio 2017 torna a Roma il XXV Festival Sete Sóis Sete Luas, festival de Mediterraneo e del mondo lusofono. Fado, band multiculturali, circo acrobatco, morna, funanà, questo e molto altro. Si inizia giovedì 13 luglio alle 21 presso Villa Barberini con il concerto di fado di Cristina Maria dl Portogallo, per poi proseguire domenica 16 e lunedì 17 luglio alle ore 22 in Piazza San Pietro in Montorio con uno spettacolo di circo aereo acrobatico. Martedì 18 luglio sempre alle 22 concerto dei Les Rythmes des 7lunes con musica del Mediterraneo e di Capo Verde. La musica capoverdiana proseguirà anche mercoledì 19 alle 22 con la Santo Antao 7sois Band. Segue programma completo.

Da giovedì 13 a giovedì 20 luglio 2017 torna a Roma il XXV Festival Sete Sóis Sete Luas, festival de Mediterraneo e del mondo lusofono. Fado, band multiculturali, circo acrobatco, morna, funanà, questo e molto altro. Si inizia giovedì 13 luglio alle 21 presso Villa Barberini con il concerto di fado di Cristina Maria dl Portogallo, per poi proseguire domenica 16 e lunedì 17 luglio alle ore 22 in Piazza San Pietro in Montorio con uno spettacolo di circo aereo acrobatico. Martedì 18 luglio sempre alle 22 concerto dei Les Rythmes des 7lunes con musica del Mediterraneo e di Capo Verde. La musica capoverdiana proseguirà anche mercoledì 19 alle 22 con la Santo Antao 7sois Band. Segue programma completo.

Programma:
GIOVEDI 13 LUGLIO • ORE 21
Ambasciata del Portogallo
Villa Barberini, Via Zandonai, 84 (zona Camilluccia,
accanto a Piazza Giuochi Delfici)
CRISTINA MARIA (Portogallo) - FADO

DOMENICA 16 E LUNEDI 17 LUGLIO • ORE 22
Piazza San Pietro in Montorio (Gianicolo, davanti alla Real Academia de España)
LES P'TITS BRASIL (FRANCIA)
Spettacolo di circo aereo acrobatico

MARTEDI • 18 LUGLIO • ORE 22
Piazza San Pietro in Montorio (Gianicolo, davanti alla Real Academia de España)
LES RYTHMES DES 7LUNES (MEDITERRANEO/CAPO VERDE)

MERCOLEDI • 19 LUGLIO • ORE 22
Piazza San Pietro in Montorio (Gianicolo, davanti alla Real Academia de España)
SANTO ANTÃO 7SÓIS BAND (CAPO VERDE)
con la partecipazione speciale di MARIO INCUDINE

PROGETTO SPECIALE NELLE CASE DI RECLUSIONE
LUNEDI • 17 LUGLIO • ORE 10
Casa di Reclusione Minorile Casal del Marmo
(Via Giuseppe Barelai, 140)
LES P'TITS BRAS
(FRANCIA)
Spettacolo di circo acrobatico umoristico
con workshop di clowneria, circo contemporaneo,
tecniche di clown terapia e dinamica dell’umorismo
per i reclusi (ore 10) e le recluse (ore 12).

GIOVEDI • 20 LUGLIO • ORE 15
Casa Circondariale Rebibbia Terza Casa
(Via Bartolo Longo, 82)
SANTO ANTÃO 7SÓIS BAND (CAPO VERDE)
con MARIO INCUDINE
Concerto e workshop sulle tradizioni musicali
capoverdiane rivolto ai reclusi: morna, funana,
percussioni etniche e danze dall’isola di Santo Antão.

Info: tel. 0587 731532
info@7sois.org


Leggi il resto

Sud sudan - La Guerra, La Fuga, Lo Sport

Sud sudan - La Guerra, La Fuga, Lo Sport

Domenica 19 novembre 2017 dalle ore 18 alle ore 20 in via di Monte Testaccio, 22 si terrà l'incontro Sud sudan - La Guerra, La Fuga, Lo Sport, organizzato da Amnesty International - Roma Boccea. Quella del Sud Sudan è la più ampia crisi di rifugiati del continente africano: le Nazioni Unite hanno dichiarato che l'insicurezza alimentare ha raggiunto livelli senza precedenti.

Domenica 19 novembre 2017 dalle ore 18 alle ore 20 in via di Monte Testaccio, 22 si terrà l'incontro Sud sudan - La Guerra, La Fuga, Lo Sport, organizzato da Amnesty International - Roma Boccea. Quella del Sud Sudan è la più ampia crisi di rifugiati del continente africano: le Nazioni Unite hanno dichiarato che l'insicurezza alimentare ha raggiunto livelli senza precedenti.

Siamo al 4° anno dell'ultimo conflitto civile nel Sud Sudan, dal dicembre 2013. Quasi uno su tre Sud sudanesi - circa 3,8 milioni di persone - sono stati spinti dalle loro case e circa 30.000 persone sono state uccise e intere città e villaggi lasciati in rovina oltre al fatto di non rimanere in silenzio delle sopravvissute alla violenza sessuale chiedono giustizia e riparazione. Nel febbraio 2017 le Nazioni Unite hanno dichiarato la prima carestia dell'Africa in cinque anni, nelle parti colpite dal conflitto del Sud-Sudan.

Si parlerà del lavoro compiuto da diverse persone, non solo di Amnesty, sia sul territorio locale che nazionale, non solo come segno di solidarietà e vicinanza con spirito di fratellanza, ma anche quello di mettere a punto una rete di idee e prassi utili a compiere un passetto avanti sulla direzione giusta della pace, all'interno di un luogo dove l'auspicio è d'obbligo.

https://www.facebook.com/events/127446581255385/


Leggi il resto

Altri mondi letterari: Grafias incontra Rodrigo Elgueta

Altri mondi letterari: Grafias incontra Rodrigo Elgueta

Mercoledì 6 settembre 2017 alle ore 20, alla libreria Giufà, via degli Aurunci 38, l’illustratore cileno Rodrigo Elgueta presenta Gli anni di Allende (Edicola), dialogando con Cecilia Raneri e Serena Talento della redazione di Grafias e con l’illustratrice Veronica Leffe, membro del collettivo TerraNullius Narrazioni Popolari. L’artista molisana Chiara Scarpone, con voce e chitarra, accompagnerà l’incontro con un omaggio a Violeta Parra, simbolo del folklore cileno.

Mercoledì 6 settembre 2017 alle ore 20, alla libreria Giufà, via degli Aurunci 38, l’illustratore cileno Rodrigo Elgueta presenta Gli anni di Allende (Edicola), dialogando con Cecilia Raneri e Serena Talento della redazione di Grafias e con l’illustratrice Veronica Leffe, membro del collettivo TerraNullius Narrazioni Popolari. L’artista molisana Chiara Scarpone, con voce e chitarra, accompagnerà l’incontro con un omaggio a Violeta Parra, simbolo del folklore cileno.

La serata è organizzata da Edicola, casa editrice italo-cilena che promuove un ponte di cultura tra Italia e Cile, e da Grafias, rivista di informazione editoriale internazionale che ricerca visioni e contributi nuovi sul mondo del libro e della letteratura, e sarà un’occasione non solo per conoscere più da vicino uno dei capitoli più emozionanti della storia moderna, ma anche per scoprire alcuni degli aspetti più vivaci e interessanti del mondo dell’illustrazione cilena e sudamericana.

Il libro
Vincitore del Premio Liberi di Scrivere Award 2016, “Gli anni di Allende” racconta con passione e rigore storico gli accadimenti politici, i fattori e gli attori che caratterizzarono la via cilena al socialismo, e la sua fine. Il libro ci riporta alle speranze e alle paure dei protagonisti di allora, persone che vissero con entusiasmo e dolore il modo in cui nacque e venne distrutto un esperimento unico nel XX secolo. Sceneggiatura fedele di una delle pagine più affascinanti e rivoluzionarie della storia moderna, “Gli anni di Allende” è, sia dal punto di vista dei contenuti che delle immagini, frutto di una ricerca storica e iconografica minuziosa e dettagliata che si traduce nel realismo grafico e nella ricchezza dei testi.

Rodrigo Elgueta
Disegnatore di fumetti e illustratore, ha esposto in Cile e all’estero. Si è dedicato alla gestione di attività culturali, organizzando e coordinando diversi progetti ed eventi di narrativa grafica. Ha lavorato insieme alle case editrici Arrayán, SM ediciones e Salo S.A., per la quale ha disegnato parte della serie “Mitos y Leyendas”. Ha pubblicato il fumetto di fantasia “Dragón Lemur” per la casa editrice Visual ediciones e la storia a fumetti “Flamenco”. Insieme all’autore Juan Vásquez ha creato la rivista di fumetti e illustrazioni “Platino”. La sua prima novella grafica, “El origen”, è stata scritta da Daniel Benavides e pubblicata da Catalonia. Ha partecipato alle raccolte di fumetti “In Absentia Mortis” e “In Nomine Mortis” con gli sceneggiatori Ángel Bernier e Carlos Reyes e, con quest’ultimo, ai volumi della serie “Heredia Detective” (LOM).

Per ulteriori informazioni:
Alice Rifelli – alicerifelli@yahoo.it
Roberta De Marchis - cufficiostampa@grafias.it


Libreria Giufà
Via degli Aurunci 38
Tel. 06 4436 1406


Leggi il resto

Giornata Mondiale del Rifugiato 2017. Un'umanità in fuga

Giornata Mondiale del Rifugiato 2017. Un'umanità in fuga

Il Servizio Intercultura delle Biblioteche di Roma organizza mercoledì 21 giugno 2017 dalle ore 18 alle 21 un evento speciale in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato, nei giardini della Biblioteca Villa Mercede, via Tiburtina 113. In programma interventi e testimonianze con performance musicali e banchetti a cura di diverse associazioni di rifugiati che si occupano di intercultura e di imprenditoria migrante.
Con la partecipazione straordinaria di Diego Bianchi, in arte Zoro.
Saranno presenti alla manifestazione anche alcuni ospiti dell’associazione Baobab Experience di Roma, attiva nell’accoglienza ai migranti “transitanti”, che racconteranno le loro esperienze sulle rotte seguite e sui difficili approdi. Oltre alle varie testimonianze, durante la serata ci saranno alcune letture a cura di Civico Zero tratte dal Foglio Griot e una sfilata di moda di Karalò Sartoria Migrante che presenterà le sue creazioni. Chiuderà l'evento il gruppo Matemusic Band del Cies, composto da ragazzi rifugiati e italiani, frutto dell’intenso lavoro artistico di questo Centro di aggregazione di eccellenza a Roma.

Il Servizio Intercultura delle Biblioteche di Roma organizza mercoledì 21 giugno 2017 dalle ore 18 alle 21 un evento speciale in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato, nei giardini della Biblioteca Villa Mercede, via Tiburtina 113. In programma interventi e testimonianze con performance musicali e banchetti a cura di diverse associazioni di rifugiati che si occupano di intercultura e di imprenditoria migrante.
Con la partecipazione straordinaria di Diego Bianchi, in arte Zoro.
Saranno presenti alla manifestazione anche alcuni ospiti dell’associazione Baobab Experience di Roma, attiva nell’accoglienza ai migranti “transitanti”, che racconteranno le loro esperienze sulle rotte seguite e sui difficili approdi. Oltre alle varie testimonianze, durante la serata ci saranno alcune letture a cura di Civico Zero tratte dal Foglio Griot e una sfilata di moda di Karalò Sartoria Migrante che presenterà le sue creazioni. Chiuderà l'evento il gruppo Matemusic Band del Cies, composto da ragazzi rifugiati e italiani, frutto dell’intenso lavoro artistico di questo Centro di aggregazione di eccellenza a Roma.

Tantissimi ospiti oltre a banchetti e performance a cura delle associazioni e ong: Amal for education, Baobab Experience, Barikamà, Amjed Rifaye, Civico Zero, Fattorie Migranti, Karalò Sartoria migrante, Liberi Nantes, Medici Senza Frontiere, RefugeeScArt, Refugees Welcome. Sarà presente anche un punto di raccolta di vestiario e altri generi di prima necessità destinati agli ospiti di Baobab Experience.

La manifestazione conclude la rassegna intitolata Muri e frontiere. Un’umanità in fuga, che si è svolta in varie biblioteche. Attraverso documentari, video, interventi di giornalisti impegnati sul campo, testimonianze dei rifugiati, abbiamo cercato di comprendere i fili che legano le guerre, i regimi dittatoriali, le rotte dei migranti, i trafficanti, i muri di respingimento, il regolamento di Dublino, i disastrosi limbi in cui vengono bloccati i migranti in fuga, ma anche le importanti esperienze di accoglienza e di solidarietà, in Italia e in Europa.

Ai partecipanti sarà offerta copia dell’Osservatorio Romano sulle Migrazioni. Dodicesimo Rapporto, a cura di Idos, in collaborazione e con il supporto dell’Istituto di Studi Politici “S. Pio V”.


Programma:

Intervengono:
Paolo Fallai, Presidente Biblioteche di Roma
Caterina Boca, Presidente Commissione Politiche Sociali II Municipio
Tareke Brhane, Comitato 3 Ottobre
Elisabetta Melandri, Presidente Cies Onlus
Ejaz Ahmad, Associazione Nuove Diversità
Maria Rita Peca, Medici per i Diritti Umani
Valerio Bevacqua, Baobab Experience
Marichia Arese, Refugee Scart - Spiral Fondazione Onlus
Alice Passamonti, volontaria Medici Senza Frontiere

Testimonianze di rifugiati transitanti di Baobab Experience

Letture a cura di Civico Zero tratte dal Foglio Griot
Concerto rap dei Matemusik Band, Cies – Matemù
Sfilata a cura di Karalò Sartoria Migrante

Con la partecipazione straordinaria di Diego Bianchi, in arte Zoro.

Banchetti e performance a cura delle associazioni e ong:
Amal for education, Baobab Experience, Barikamà, Amjed Rifaie,  Civico Zero, Fattorie Migranti, Karalò Sartoria migrante, Liberi Nantes, Medici Senza Frontiere, RefugeeScArt, Refugees Welcome.

Sarà presente anche un punto di raccolta di vestiario e altri generi di prima necessità destinati agli ospiti di Baobab Experience.

Lista degli oggetti che verranno raccolti:

-tende
-sacchi a pelo
-coperte
-materassini
-tavoli e sedie
-gazebo
-acqua
-scarpe da uomo 40-45
-sandali e infradito
-zaini,borse
- magliette taglie piccole da uomo

Per maggiori informazioni sugli oggetti che verranno raccolti, consultare la pagina facebook Baobab Experience o scrivere a baobabexperience@gmail.com


Per informazioni :
Servizio Intercultura – Biblioteche di Roma
tel. 06 45460313-14 – Gabriella Sanna 348 5843295
info@romamultietnica.it


Biblioteca Villa Mercede
Via Tiburtina, 113

 

 


Leggi il resto

Visioni sonore

Visioni sonore

Cies Onlus, Matemù e Ars Ludi presentano Visioni sonore. Performance uditiva elaborata all'interno del laboratorio “Il racconto”, inserita nell'ambito #MigrArti Progetto Spettacolo 2017 del MiBACT. Appuntamento mercoledì 28 giugno 2017 dalle ore 18 alle 21 (con ingressi ogni 30 minuti) oresso la Biblioteca Vaccheria Nardi in Via Grotta di Gregna, 37.

Cies Onlus, Matemù e Ars Ludi presentano Visioni sonore. Performance uditiva elaborata all'interno del laboratorio “Il racconto”, inserita nell'ambito #MigrArti Progetto Spettacolo 2017 del MiBACT. Appuntamento mercoledì 28 giugno 2017 dalle ore 18 alle 21 (con ingressi ogni 30 minuti) oresso la Biblioteca Vaccheria Nardi in Via Grotta di Gregna, 37.


PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA allo 06 77264611 (10:00-17:00) - cies@cies.it

Gli ingressi sono ogni 30 minuti dalle ore 18.00 alle ore 20.30, la durata della performance è di 15 minuti circa.

Con:
Viola Arsene
Cassandra Campanella
Frida Carlucci
Sofia D'Elia
Leon Ferreira
Gaia Nacci
Pa Mumudou Njie
Indira Stricelli
Alessandro Ziccardi

e le ragazze e i ragazzi del laboratorio musicale di Ars Ludi

Ideazione e Regia:
Valentina Di Odoardo e Paolo Crisi

Contributi musicali originali: Rodolfo Rossi con le ragazze e i ragazzi del laboratorio musicale di Ars Ludi

Testi di: Ndjock Ngana Yogo Ndjock, Carlos Sanchez e dei ragazzi/e del laboratorio di teatro di MaTeMù.


Si tratta di una performance uditiva in cui il pubblico, in un'atmosfera intima, viene invitato a bendarsi per immergersi in una serie di suggesioni verbali e sonore che vogliono ricercare un contatto con l'altro e recuperare una dimensione di ascolto profondo.
In una società in cui tutto è immagine viene chiesto al pubblico di rinunciare per un po' di tempo al senso privilegiato, la vista, per lasciarsi andare ad altre dimensioni percettive.




INGRESSO LIBERO con prenotazione FINO A ESAURIMENTO POSTI



Biblioteca Vaccheria Nardi
Via Grotta di Gregna 37


Leggi il resto

Raccontare le migrazioni a Roma. Presentazione dell’Osservatorio Romano sulle migrazioni

Raccontare le migrazioni a Roma. Presentazione dell’Osservatorio Romano sulle migrazioni

Mercoledì 11 ottobre 2017 alle ore 17 presso la Biblioteca Guglielmo Marconi, via Gerolamo Cardano 135, si terrà l'incontro Raccontare le migrazioni a Roma. Presentazione dell’Osservatorio Romano sulle migrazioni. Chi sono i nuovi cittadini che risiedono a Roma da tanti anni e che chiamiamo migranti? Da dove provengono, da cosa fuggono i nuovi arrivati che approdano sulle nostre coste e arrivano a Roma? Un’occasione per uscire da un’immagine indifferenziata dell'immigrazione, per riflettere sui conflitti culturali, sulle forme di convivenza, sulle prospettive future. Intervengono: Paolo Fallai, Presidente delle Biblioteche di Roma, Ugo Melchionda e Ginevra Demaio, Centro Studi e Ricerche Idos / Voci di Confine, Ejaz Ahmad, giornalista e mediatore interculturale, Fiorella Farinelli, Rete Scuole migranti, Antonella Inverno, Save the Children, Fioralba Duma, Italiani senza cittadinanza, QuestaèRoma. Modera Gabriella Sanna, Servizio Intercultura Biblioteche di Roma.

Mercoledì 11 ottobre 2017 alle ore 17 presso la Biblioteca Guglielmo Marconi, via Gerolamo Cardano 135, si terrà l'incontro Raccontare le migrazioni a Roma. Presentazione dell’Osservatorio Romano sulle migrazioni. Chi sono i nuovi cittadini che risiedono a Roma da tanti anni e che chiamiamo migranti? Da dove vengono, cosa fanno in città? Da dove provengono, da cosa fuggono i nuovi arrivati che approdano sulle nostre coste e arrivano a Roma? Un’occasione per uscire da un’immagine indifferenziata dell'immigrazione, per riflettere sui conflitti culturali, sulle forme di convivenza, sulle prospettive future. Ai partecipanti sarà offerta copia dell’Osservatorio Romano sulle Migrazioni. Dodicesimo Rapporto a cura di Idos, in collaborazione e con il supporto dell’Istituto di Studi Politici “S. Pio V”.

Intervengono:
Paolo Fallai, Presidente delle Biblioteche di Roma
Ugo Melchionda e Ginevra Demaio, Centro Studi e Ricerche Idos / Voci di Confine
Ejaz Ahmad, giornalista e mediatore interculturale
Fiorella Farinelli, Rete Scuole migranti
Antonella Inverno, Save the Children
Fioralba Duma, Italiani senza cittadinanza, QuestaèRoma

Modera Gabriella Sanna, Servizio Intercultura Biblioteche di Roma

 

In allegato la locandina dell'incontro

Biblioteca Guglielmo Marconi
via G. Cardano, 135 tel. 06 45460301
Servizio Intercultura - tel. 06 45460313/14
Info: info@romamultietnica.it - www.romamultietnica.it

 


Leggi il resto

Eritrea e Somalia: le voci dei protagonisti

Eritrea e Somalia: le voci dei protagonisti

Prosegue l’impegno deIle Biblioteche di Roma verso i Rifugiati e Richiedenti asilo, dando voce ai protagonisti delle rotte migratorie e approfondendo le cause degli esodi di massa della nostra epoca. 
Martedì 28 novembre 2017 alle ore 18 alla Biblioteca Guglielmo Marconi, via G. Cardano 135, si terrà un incontro su due paesi centrali nella geopolitica delle migrazioni: l’Eritrea e la Somalia.
Interverranno tre testimoni di eccezione, Padre Mussie Zerai, prete e attivista eritreo, Igiaba Scego, scrittrice italosomala, Ribka Sibhatu, scrittrice e mediatrice culturale eritrea. Saranno presenti anche alcuni migranti ospiti dell’associazione Baobab Experience, che condivideranno con il pubblico la loro esperienza. Modera Gabriella Sanna, Servizio Intercultura Biblioteche di Roma.

Prosegue l’impegno deIle Biblioteche di Roma verso i Rifugiati e Richiedenti asilo, dando voce ai protagonisti delle rotte migratorie e approfondendo le cause degli esodi di massa della nostra epoca. 
Martedì 28 novembre 2017 alle ore 18 alla Biblioteca Guglielmo Marconi, via G. Cardano 135, si terrà un incontro su due paesi centrali nella geopolitica delle migrazioni: l’Eritrea e la Somalia.
Interverranno tre testimoni di eccezione, Padre Mussie Zerai, prete e attivista eritreo, Igiaba Scego, scrittrice italosomala, Ribka Sibhatu, scrittrice e mediatrice culturale eritrea. Saranno presenti anche alcuni migranti ospiti dell’associazione Baobab Experience, che condivideranno con il pubblico la loro esperienza. Modera Gabriella Sanna, Servizio Intercultura Biblioteche di Roma.

“Un avviso di garanzia è stato notificato al sacerdote eritreo Mosè Zerai, candidato al Nobel per la pace nel 2015 e impegnato da anni negli aiuti umanitari ai profughi. Con l'iscrizione nel registro degli indagati, la Procura di Trapani, lo accusa di "favoreggiamento dell'immigrazione clandestina". Le indagini che hanno portato al provvedimento, eseguite dalla Squadra mobile della città siciliana sorebbero cominciate, però, nel novembre scorso. Don Zerai, fondatore e presidente dell'agenzia di informazione Habeshia, "il salvagente dei migranti", offre assistenza telefonica a chi si accinge a partire, avvertendo le autorità quando imbarcazioni che attraversano il Mediterraneo si trovano in difficoltà e hanno bisogno di un intervento di salvataggio. "Ho saputo solo lunedì dell'indagine - commenta il sacerdote - e voglio andare fino in fondo alla vicenda” (Avvenire, 9 ago 2017)

“Quando è scoppiata la guerra civile in Somalia avevo 16 anni e non lo capii subito. Oggi mi rendo conto che l’attacco a Mogadiscio del 14 ottobre è solo l’ultimo episodio di un processo cominciato allora.” (Igiaba Scego, Internazionale, 6 nov 2017).
“Negli anni settanta del secolo scorso il Corno d’Africa era in fiamme. Si scappava dalle dittature. I somali scappavano da Siad Barre, gli etiopici-eritrei dal sanguinario Menghistu Hailè Mariàm. Le terre del corno si tingevano di sangue e l’Italia, di cui molti conoscevano già la cultura, fu considerata naturale terra d’approdo. (Igiaba Scego, Internazionale, 31 ago 2017).

“Italiani brava gente è un’espressione che non usano solo gli italiani. Anche mia nonna la usava, per dire che si trattava di gente sapiente, dalla lunga civiltà. Intorno ai dieci anni, però, ho scoperto che gli italiani, appena arrivati in Eritrea, avevano espropriato i nostri terreni e che la mia famiglia era stata ridotta alla povertà…», racconta la scrittrice Ribka Sibhatu.“Forse non tutti sanno che in Eritrea vige una schiavitù mascherata sotto forma di servizio militare. Un anno prima di finire le scuole superiori i giovani vengono portati nei campi militari, dove vivono con una paga di 10 euro al mese che non basta neanche alla loro sussistenza... Affamati e schiavi, privati del diritto di parlare. È per evitare la leva obbligatoria che molti ragazzini stanno arrivando in Europa” (Left, 25 ago 2017).


Per informazioni:
Servizio Intercultura 06 45460313-4
info@romamultietnica.it

In allegato la locandina stampabile

Biblioteca G. Marconi
Via G. Cardano 135


Leggi il resto

La nostra Africa

La nostra Africa

Venerdì 12 gennaio 2018 ore 17.30 presso la Biblioteca Nelson Mandela, via La Spezia 21, La nostra Africa ßàà lóñ Afrikà? Poesie di Ndjock Ngana. Alla presentazione, oltre all’autore Ndjock Ngana, parteciperanno: Emanuela Chiang, responsabile progetti Corno D’Africa, VIS - Volontariato Internazionale per lo Sviluppo; Oliviero Bettinelli, responsabile Area Pace e mondialità, Caritas. Presenta il professor Massimiliano Fiorucci, direttore del Dipartimento di Scienze della Formazione Università degli studi Roma 3.

Venerdì 12 gennaio 2018 ore 17.30 presso la Biblioteca Nelson Mandela, via La Spezia 21, La nostra Africa ßàà lóñ Afrikà? Poesie di Ndjock Ngana. Alla presentazione, oltre all’autore Ndjock Ngana, parteciperanno: Emanuela Chiang, responsabile progetti Corno D’Africa, VIS - Volontariato Internazionale per lo Sviluppo; Oliviero Bettinelli, responsabile Area Pace e mondialità, Caritas. Presenta il professor Massimiliano Fiorucci, direttore del Dipartimento di Scienze della Formazione Università degli studi Roma 3.

Ndjock Ngana è nato in Camerun nel 1952 e nel 1973 ha lasciato il suo paese per trasferirsi in Italia. Ha seguito la strada dell’impegno politico, sociale, culturale per la conservazione delle culture africane e per la diffusione delle altre culture.


Biblioteca Nelson Mandela
Municipio VII - Via La Spezia 21
Tel. 06 45460341
nelsonmandela@bibliotechediroma.it


Leggi il resto

Mariem Hassan: Io sono saharaui

Mariem Hassan: Io sono saharaui

Venerdì 19 gennaio 2018 alle ore 17.30 presso la Biblioteca Goffredo Mameli in via del Pigneto, 22 si terrà la presentazione della graphic novel Mariem Hassan: Io sono saharaui di Gianluca Diana e Andromalis (Barta Edizioni, 2017). Interverranno gli autori e Fatima Mahfoud, Rappresentante del Popolo Saharaui in Italia. «Voz del Sahara»: questo è l’iconografico soprannome con cui Mariem Hassan è internazionalmente nota. Io sono saharaui ne è la biografia illustrata: un’appassionante storia al femminile che racconta di musica e resistenza civile. Lungo i sei capitoli divisi in sei decenni, ognuno con un titolo delle sue canzoni, la vita della Hassan scorre parallela alla storia del popolo del deserto.

Venerdì 19 gennaio 2018 alle ore 17.30 presso la Biblioteca Goffredo Mameli in via del Pigneto, 22 si terrà la presentazione della graphic novel Mariem Hassan: Io sono saharaui di Gianluca Diana e Andromalis (Barta Edizioni, 2017). Interverranno gli autori e Fatima Mahfoud, Rappresentante del Popolo Saharaui in Italia.

«Voz del Sahara»: questo è l’iconografico soprannome con cui Mariem Hassan è internazionalmente nota. Io sono saharaui ne è la biografia illustrata: un’appassionante storia al femminile che racconta di musica e resistenza civile. Lungo i sei capitoli divisi in sei decenni, ognuno con un titolo delle sue canzoni, la vita della Hassan scorre parallela alla storia del popolo del deserto. Le atmosfere auliche e spensierate dell’infanzia nomade, la giovinezza vissuta e stretta tra l’occupazione marocchina del Sahara Occidentale e poi l’esilio, i campi profughi in Algeria e la Spagna, gli amori, la famiglia, i figli, i primi dischi a suo nome e la fama internazionale. Io sono saharaui è parlato, illustrato, coloratissimo: una festa per gli occhi di tutti, che vive del calore, della luce, dei colori e del suono di Mariem, da sempre considerata stella polare della lotta per l’indipendenza del popolo saharaui.



Intervengono:
Gianluca Diana, Autore
Andromalis, Illustratore
Fatima Mahfoud, Rappresentante del Popolo Saharaui in Italia

Biblioteca Goffredo Mameli
via del Pigneto, 22

Per informazioni:
Servizio Intercultura                                      
tel. 06 45460313/4                                         
www.romamultietnica.it


Leggi il resto

Global Migration Film Festival

Global Migration Film Festival

Lunedì 18 dicembre 2017 per la Giornata Internazionale del Migrante il Cinema Farnese, piazza Campo de' Fiori ospita l’edizione 2017 del Global Migration Film Festival dell’OIM- Organizzazione Internazionale per le Migrazioni. In programma tre proiezioni, alle 16 (Mediterranea), alle 19 (Granma) e alle 20 (My name is Adil).

Lunedì 18 dicembre 2017 per la Giornata Internazionale del Migrante il Cinema Farnese, piazza Campo de' Fiori ospita l’edizione 2017 del Global Migration Film Festival dell’OIM- Organizzazione Internazionale per le Migrazioni. In programma tre proiezioni, alle 16 (Mediterranea), alle 19 (Granma) e alle 20 (My name is Adil).



Ore 16 - MEDITERRANEA  
Ayiva ha lasciato il Burkina Faso per provvedere al futuro della sorella e della figlia. Ha approfittato della sua posizione in un'operazione di contrabbando per lasciare l'Africa insieme al miglior amico Abas. Adattandosi rapidamente alla vita in Italia, per Ayiva la situazione diventa pericolosa quando nella comunità in cui è approdato si respira un clima di tensione. Deciso ad affermarsi nel nuovo ambiente,

Guarda il trailer:  https://www.youtube.com/watch?v=qaALVBbde_A

Ore 19  - Presentazione del Festival e proiezione del film breve GRANMA  (presenti i registi del film)
Jonathan è un giovane di origini Igbo con la passione per la musica. Durante una registrazione squilla il telefono: Momo, suo cugino, partito verso l’Europa, è morto. Occorre portare la triste notizia alla famiglia: se ne incarica la nonna di Jonathan e parte con il nipote per un lungo viaggio in bus. Prodotto nell’ambito della campagna “Aware Migrants”

Guarda il trailer: https://www.awaremigrants.org/challenging-death/

Ore 20 - MY NAME IS ADIL
Il film racconta la storia vera di Adil, un bambino che vive nella campagna del Marocco con madre,  fratelli e nonno. A 13 anni parte per l’Italia per raggiungere il padre, emigrato da anni per lavorare e mantenere la famiglia. L’Italia non è il paese delle città favolose e della ricchezza facile sognata nell’infanzia, ma offre ad Adil la possibilità di studiare, vivere nuove esperienze e costruire nuovi legami. Il cerchio si chiude quando Adil, ormai adulto, dopo dieci anni di assenza dal Marocco, ritorna nel suo paese, alla riscoperta delle proprie radici: il viaggio lo aiuta a intrecciare i fili della sua storia e della sua identità, perché “solo se conosci da dove vieni, puoi sapere chi sei”.

Guarda il trailer: https://www.youtube.com/watch?v=HxivnOL7bwM


Cinema Farnese
Piazza Campo de' Fiori


Leggi il resto


torna ad inizio pagina
torna ad inizio paginahome page trovavisite e passeggiatemeravigliemonumentieventigastronomialinkstradenewscondividi paginaricerca
Info.roma.it è un progetto sostenuto dai soci e dalle Donazioni. Contribuisci al suo sviluppo!    Ringraziamenti   Privacy policy

Prenotazione visita guidata