Storia

Storia Piazza Navona, Roma

Cronologia

1363: Pubblicazione degli Statuti del Comune di popolo. Nel terzo libro sono descritte le procedure organizzative della solenne celebrazione dei ludi di Testaccio, con l'af?damento della gestione delle spese ai consoli delle universitates dei bovattieri e dei mercanti, il controllo dei Conservatori, e il tributo pecuniario per il ?nanziamento dei giochi imposto alla comunità ebraica. Tra leesibizioni ludiche sono elencate le giostre agli anelli (da tenersi due in Agonee due a Testaccio) una volta per i cives, una volta per gli scutiferi. Si sottolinea che nel gioco domenicale si svolgano tre palii equestri e la caccia ai porci e ai tori, lanciati con sei carrette dal pendiodi Monte Testaccio.

1477: Papa Sisto IV sposta il mercato di Roma dalla Piazza dell'Aracoeli a Piazza navona.

1484: Cruenti tumulti tra le fazioni durante i Ludi Agonali del carnevale.

1499: Il corteo di Agone per il carnevale, rappresenta il un trionfo di Tito e Vespasiano.

1500: Il corteo di Agone per il carnevale, rappresenta il trionfo di Giulio Cesare, allusione al ritorno trionfale appena celebrato di Cesare Borgia dalla presa di Forlì.

1501: Durante il carnevale, non sono celebrate le tradizionali feste di Agone e di Testaccio, «ma in varie piazze, degli Orsini a monte Giordano, Sciarra e altrove, si uccidono buoi eanche uomini».

1536: Papa Paolo III ripristina per il carnevale i giochi di Agonee Testaccio. Il corteo di Agone è curato dal magister stratarum Latino Giovenale Manetti come rievocazione del trionfo di Paolo Emilio.

19/8/1556: A Piazza Navona, viene eseguita la condannato a morte per eresia di Pomponio Algieri, immergendolo in una caldaia contenente olio bollente, pece e trementina. L'ambasciatore di Venezia tramanda che «quel scolaro da Nola che l'eccellentissime signorie vostre mandorno qui fu un di questi dì in piazza Navona brusciato vivo, con tanta constantia che fece meravigliar ogn'uno. Et intendo che, leggendoseli il processo, disse: "Di gratia, leggetemi la sententia". La qual, udita che hebbe, ringratiando Dio, disse: "Questo è quello ch'ho sempre dimandato dal mio Signor, vivat Dominus meus in aeternum"».

1579: Al centro di piazza Navona viene collocato un abbeveratoio riutilizzando una vasca romana in marmo portasanta scoperta a via dei Leutari.

29/7/1605: Caravaggio aggredisce a Piazza Navona il notaio Mariano Pasqualoni. Il gesto è motivato della proposta di matrimonio da lui rivolta all'amante, la cortigiana Maddalena Antognetti. Dopo la denuncia, fugge per tre settimane a Genova.

1648: Iniziano i lavori per la realizzazione della fontana dei Quattro Fiumi. Viene spostato l’abbeveratoio centrale della piazza sul versante settentrionale (vicino all’attuale fontana del Nettuno).

12/6/1651: Inaugurazione della Fontana dei Quattro Fiumi a Piazza Navona alla presenza di Papa Innocenzo X.

15/8/1810: Per festeggiare l'onomastico di Napoleone I, piazza Navona viene trasformata in circo posticcio a 3 ordini di gradinate e viene svolta la prima corsa con fantino.

4/1/1815: Nasce al piano terra di Palazzo de Cupis la locanda dei tre scalini, con licenza della Santa Sede, concessa da Sua Eminenza Reverendissima Il Camerlengo.

1869: Viene spostato il mercato principale da piazza Navona a Campo dei Fiori.

1874: Insieme alla vasca dell'abbeveratoio, i mascheroni e tritoni della Fontana del Moro di Piazza Navona, ormai fortemente degradate, sono rimosse, sostituite da copie e depositate nel semenzaio comunale di San Sisto.

1907: La Gelateria Fassi si sposta da Via delle Quattro Fontane a piazza Navona. La nuova sede al piano terra di Palzzo de Cubis, chiamata Caffè-gelateria Nino all'Agonale, è dota di una delle prime refrigeratrici elettriche di importazione tedesca.

1910: La Gelateria Fassi si sposta da piazza Navona a Via Piave 9/11/13. Cambia nome in Grande Gelateria Elettrica Siciliana.

Monumenti

Monumenti a Piazza Navona, Roma

Link Locali ed attività Piazza Navona, Roma