Storia

Storia Via Panisperna, Roma

Ci sono varie interpretazioni sulle origini del nome di via Panisperna.

Era abitudine dei frati della Basilica di S. Lorenzo distribuire pane et perna, cioè panini al prosciutto, ai poveri della zona.

Un altra versione vuole che sia la fusione tra i nomi di due famiglie della zona, i Pane ed i Perna.

Non da escludere anche la Versione del Blasi che fa derivare il nome da Palisperno, palis (pali) sterno (distendo), un riferimento a S. Lorenzo martire sui ferri incandescenti. Alcuni edifici sulla strada, proprietà del monastero, recano ancora le targhe con il curioso simbolo, che rappresenta appunto la graticola sollevata.

Cronologia

1971: Chiude al pubblico il Museo Coloniale.

4/3/1971: Attivata la Corsia Preferenziale sull'itinerario piazza Esquilino, via Cavour, via Panisperna, via Milano, via F. Crispi, via Sistina, via Quattro Fontane, via De Pretis, piazza Esquilino.

  Monumenti

Monumenti a Via Panisperna, Roma

  Link Locali ed attività Via Panisperna, Roma