Storia

Storia Via Prenestina, Roma

Cronologia

17/11/1924: Viene inaugurato un prolungamento dei binari tramviari sulla via Prenestina, fino alla località allora detta Acqua Bullicante (oggi largo Preneste), prolungando alcune corse della linea 10 in partenza dalla piazza San Silvestro (tabelle 10 rosso). Su questa linea sono anche istituiti subito tre servizi speciali, attivi al mattino e nel pomeriggio, per il trasporto degli operai degli stabilimenti della Società Italiana della Viscosa (poi Snia Viscosa) posti all'Acqua Bullicante.

1928: Alcune persone rimaste senza casa durante i primi sventramenti del centro, si trasferiscono nella zona antistante la stazione Prenestina in alloggi di fortuna, dando il via alla nascita del borghetto prenestino.

1953: Durante il taglio della collina del parco della villa dei Gordiani, per la realizzazione di via Rovigno d’Istria, viene scoperta una piccola catacomba su due livelli. Incerta se di natura cristiana o pagana.

1958: In occasione dell'allargamento della via Prenestina e dell'apertura di via Olevano Romano, viene riscoperto un colombario romano in buoneo stato di conservazione, già indagato dall'archeologo Fortunati nelle sue campagne di scavo del 1861.

/10/1960: Ai piedi del Cmampanile di San leone Magno al Pigneto, viene posta una targa in memoria dei deportati del quartiere nel 4 Gennaio 1944.

1981: Il Borghetto Prenestino viene completamente demolito.

Monumenti

Monumenti a Via Prenestina, Roma

Link Locali ed attività Via Prenestina, Roma