Storia Monumento

Informazioni storiche artistiche sul monumento

Valutazione: ☆☆★ ★ ★ 3 stelle

Cronologia

1607: Il cardinale Scipione Borghese acquista, per ornare i giardini della propria villa a via pinciana, la raccolta di sculture romane di Lelio e Tiberio Ceoli per 9000 scudi. Tra le opere di maggior pregio, la cosiddetta Filatrice, il Satiro in riposo e l'Ercole coronato.

1845: Le singole statue del Monumento a van der Capellen, vengono collocate nel "giardino del lago" a villa Borghese.

2/7/1897: II Consiglio Comunale approva un compromesso per l'acquisto di Villa Borghese.

26/12/1901: Lo stato acquista il terreno della Villa Borghese a via Pinciana per tre milioni di lire.

12/7/1903: Apertura al pubblico del parco di Villa Borghese.

1906: La SocietÓ Sportiva Lazio ottiene il parco dei Daini di Villa borghese per organizzare il suo campo delle partite di calcio.

22/4/1908: Inaugurazione del Cavalcavia di collegamento tra Villa Borghese e il Pincio.

1913: Mentre si giocava al Parco dei Daini di Villa Borghese, una partita di calcio tra Lazio ed Audace, la palla colpisce in pieno viso una nobildonna in carrozza. Si chiama Clementina Utili, moglie del prefetto di Roma Angelo Annaratone che per punizione, sfratta i biancocelesti. Il sindaco Ernesto Nathan concede allora in affitto un appezzamento di terreni demaniali ai prati dei parioli. Il socio Goffredo Magistrelli mette a disposizione la consistente cifra di 300 lire per erigere la recinzione del campo ed eseguire i primi lavori di sistemazione dell'impianto.

20/4/1931: Gare ippiche in occasione dell'inaugurazione del nuovo campo ostacoli a Villa Umberto.

7/10/1932: Mussolini inaugura a Villa Umberto le mostre del grano, della bonifica e della frutticoltura.

20/3/1938: Cerimonia d'inaugurazione della zona ippica di Villa Umberto alla presenza di Mussolini.

1993: Le statue del Monumento a van der Capellen, sono restaurate e, per impedire atti vandalici, depositate nel giardino del Museo Pietro Canonica.

Autori e progettisti

url Condividi pagina

Condividi la pagina sui social network